Traslocare in Francia: Guida essenziale a tutto quello che si deve considerare

Ultimo aggiornamento: 18.05.24

 

Che tu voglia trasferirti a Parigi, la città dell’amore e della moda, a Lione, la capitale gastronomica, a Marsiglia, la metropoli multietnica e vivace, o in altre splendide località francesi, dovrai affrontare il trasloco dei tuoi beni personali o della tua attività. Come fare a traslocare in Francia in modo sicuro ed economico? 

Stai pensando di trasferirti in Francia? Organizzare un trasloco verso questa affascinante meta richiede una pianificazione attenta. Vediamo insieme alcuni consigli pratici per gestire al meglio questa esperienza, al fianco del giusto partner con una lunga esperienza nel settore: https://www.blissmoving.it/traslochi-estero/europa/francia/.

 

La destinazione francese ideale

La Francia offre una varietà di città eccellenti dove vivere, da Parigi a Lione, da Nizza a Tolosa. Se il tuo scopo è cominciare una nuova vita con la libertà di scelta del luogo, valuta scrupolosamente quale si adatta meglio alle tue esigenze.

La Francia è uno dei Paesi più affascinanti e ricchi di cultura d’Europa, e anche una delle destinazioni più ambite da chi vuole cambiare vita e trovare nuove opportunità.

Per esempio, Parigi è una capitale vibrante e ricca di stimoli per tutti ma frenetica, mentre Lione e Nizza offrono una dimensione più tranquilla. Prima di decidere, informati sul costo della vita, sulle opportunità lavorative e sullo stile di ogni cittadina.

 

Documenti richiesti per andare a vivere in Francia

Per noi italiani non sono richiesti documenti particolari per il trasferimento in Francia, dal momento che entrambe le nazioni fanno parte dell’Unione Europea. Ecco i documenti utili per trasferirsi oltralpe, sia per motivi di lavoro sia personali:

Passaporto o carta d’identità valida per l’espatrio, oltre all’eventuale visto di ingresso, a seconda della nazionalità; 

Modulo di richiesta del titolo di soggiorno;

Contratto di lavoro o documentazione che attesti lo scopo del soggiorno; 

Copia conforme del diploma di laurea o di altri titoli di studio conseguiti;

Certificato di matrimonio o nascita in caso di ricongiungimento familiare;

Contratto di affitto dell’abitazione registrato.

Per il trasloco vero e proprio, servono poi documenti quali: inventario dei beni, modulo di sdoganamento e procura all’esportazione, da predisporre caso per caso, a seconda del metodo di trasporto prescelto.

È consigliabile informarsi presso il Consolato francese su eventuali documenti specifici richiesti prima di preparare la pratica.

Trova l’abitazione ideale

Cerca con anticipo la casa o l’appartamento ideale nella tua futura città “adottiva”. Puoi affidarti ad agenzie immobiliari internazionali o siti specializzati.

Se il sogno sta per diventare realtà nella capitale, tieni conto che i canoni d’affitto a Parigi sono molto alti. Per risparmiare prediligi la banlieue, con un occhio alla sicurezza: le zone periferiche delle grandi città hanno spesso problemi in questo senso. 

Non dimenticare di verificare con il metro alla mano che l’abitazione sia idonea al trasloco dei tuoi mobili. Talvolta accade che si facciano valutazioni sbagliate sui nuovi spazi, mettendo in difficoltà anche il personale dell’azienda di trasloco che non sa dove ricollocare quanto trasportato.

 

Affidati a professionisti esperti 

Per un trasferimento sereno, rivolgiti a società di traslochi internazionali che offrano un servizio completo “porta a porta”. Ricorri a operatori professionali con comprovata esperienza in trasferimenti verso la Francia. Assicurati che provvedano a tutte le pratiche doganali e che abbiano personale francofono.

Traslocare in Francia può essere impegnativo ma con un approccio metodico e l’aiuto di professionisti qualificati, potrai vivere questa esperienza come un’avventura emozionante, senza stress inutile. Con la giusta pianificazione, la tua nuova vita oltralpe sarà magnifique!

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI