I migliori bracieri

Ultimo aggiornamento: 24.05.19

 

Bracieri – Guida all’acquisto e confronti nel 2019

 

Per essere certi di acquistare un braciere che faccia al caso vostro, chiedetevi prima che tipo di utilizzo intendete farne, se volete soltanto un oggetto d’arredo originale, da collocare in giardino o comunque all’esterno della vostra abitazione, oppure volete qualcosa di più versatile e funzionale, che possa essere usato per cucinare alla griglia. Un modello interessante è il Czaja Stanzteile FS2413 Erfurt, molto solido e resistente che oltre ad essere un bell’oggetto d’arredo consente di fare gustose grigliate con amici e parenti. Più versatile è il modello Decoras Daytona 100262 che oltre ad essere ideale per creare la brace per la grigliata, può anche essere utilizzato come fioriera o come semplice oggetto di arredamento da giardino.

 

 

Tabella comparativa

 

Lo mejor de los mejores

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Opinioni sui migliori bracieri

 

Prodotti raccomandati

 

Braciere da giardino

 

Czaja Stanzteile FS2413 Erfurt

 

Il braciere da giardino prodotto dalla ditta tedesca Czaja Stanzteile, è interamente realizzato in acciaio ed è sorretto da piedi che, all’occorrenza, possono essere facilmente rimossi.

Ha un diametro di 80 centimetri, una profondità di 15 centimetri e uno spessore di 3 millimetri mentre l’altezza massima da terra, con i piedi montati, arriva a 32 centimetri. La conca è priva di foro di drenaggio, ma è possibile chiedere alla ditta di praticarne uno, se occorre, inviando una mail prima dell’acquisto tramite il sito web del produttore.

Le persone che lo hanno acquistato lo ritengono un ottimo braciere da giardino, funzionale sia come ornamento sia per organizzare grigliate in compagnia di amici. È solido e resistente alle intemperie, ma la pecca è che l’acciaio non è sottoposto ad alcun tipo di trattamento. Anche se è molto solido e resistente alle intemperie, quindi, col passare del tempo tenderà a ossidarsi.

 

Pro

Dimensioni: Con i suoi 80 centimetri di diametro, il braciere Erfurt ha il pregio di essere abbastanza ampio e profondo da poter accendere un falò in tutta sicurezza.

Robusto: Essendo realizzato interamente in acciaio è molto solido e robusto, anche le saldature sono ben fatte e il braciere promette di durare a lungo.

Personalizzabile: La ditta dà l’opportunità agli acquirenti di richiedere delle modifiche funzionali al braciere, come la creazione di un foro per il drenaggio di ceneri e acqua.

 

Contro

Ruggine: Dal momento che l’acciaio non è sottoposto a trattamenti, è consigliabile rivestirlo con vernice resistente alle alte temperature, in modo da non farlo arrugginire.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

INTEY Fire Bowl

 

Anche il braciere da giardino prodotto dalla ditta INTEY è un modello quasi analogo al braciere Erfurt esaminato in precedenza. Infatti è a sezione tonda ed è sorretto da tre piedi che, all’occorrenza, possono essere facilmente rimossi utilizzando l’apposita chiave fornita nella dotazione di accessori.

Anche l’altezza dal suolo non si discosta molto, visto che raggiunge i 30 centimetri, la differenza fondamentale sta nelle dimensioni della conca. Il diametro della proposta di INTEY, infatti, è di soli 55 centimetri contro gli 80 della Erfurt. Le dimensioni ridotte, però, unite a un peso di soli 3,5 chilogrammi circa, lo rendono adatto anche al trasporto, dando l’opportunità di poterlo usare anche per il campeggio e l’escursionismo.

Il braciere da giardino è realizzato in ferro, ma gli acquirenti lo hanno trovato solido e decisamente resistente. Il suo aspetto vintage lo rende adattabile a qualsiasi contesto, sia come oggetto d’arredo sia per accendere il fuoco.

 

Pro

Trasportabile: Peso ridotto, dimensioni contenute e piedi rimovibili lo rendono ideale per il trasporto, quindi è consigliato anche ai campeggiatori e agli escursionisti.

Estetica: Il design vintage e la finitura nera gli conferiscono un valore d’arredo non indifferente. In molti, infatti, lo hanno acquistato per usarlo come oggetto decorativo.

Robusto: Nonostante sia realizzato in ferro anziché in acciaio offre ottime doti di robustezza, grazie anche alle dimensioni inferiori a quelle degli altri modelli esaminati.

 

Contro

Manutenzione: Come si sa, l’unica limitazione dei bracieri in ferro è che necessitano di una manutenzione periodica per evitare che arrugginiscano, soprattutto se vengono tenuti all’esterno.

Acquista su Amazon.it (€55,99)

 

 

 

Braciere da esterno

 

Decoras Daytona 100262

 

Il Daytona 100262, prodotto dalla ditta Decoras, è un braciere da esterno a tripode con supporti fissi, disponibile in tre diverse misure: da 60, 70 oppure 80 centimetri di diametro, con un’altezza massima di 23 centimetri per i modelli da 60 e 70, e di 20 centimetri per il modello da 80.

Si tratta del classico braciere da esterno progettato innanzitutto come elemento decorativo per terrazze e giardini. I piedi, infatti, sono saldati proprio per assicurare una maggiore stabilità. In ogni caso è un dispositivo estremamente funzionale e può essere usato tanto come fioriera quanto per bruciare ceppi di legna, o carbonella, e preparare le braci per una bella grigliata in compagnia.

È realizzato interamente in acciaio privo di trattamento per prevenire l’ossidazione. Quindi col passare del tempo, se non sottoposto a manutenzione, tenderà a sviluppare una patina di ruggine, che secondo alcuni però, ne migliora le qualità estetiche.

 

Pro

Estetica: Il braciere da esterno Daytona è ottimo anche solo come elemento decorativo per abbellire un angolo del giardino, una veranda o una terrazza molto ampia.

Funzionale: Ovviamente può svolgere anche la funzione di braciere, per accendere un bel falò nelle sere d’estate, oppure per divertirsi in compagnia cucinando alla griglia.

Solido: Anche il Daytona è realizzato interamente in acciaio, quindi è solido e molto resistente. Pesa ben 15 chilogrammi ma può essere spostato grazie alle comode maniglie.

 

Contro

Finiture: Le saldature sono molto evidenti, inoltre bisogna fare attenzione quando lo si maneggia, dato che è ricoperto da una patina nera fuligginosa che macchia al contatto.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Braciere per barbecue

 

Trueshopping 653003TCB

 

Quello di Trueshopping è un braciere per barbecue, si tratta cioè di un modello progettato per esaltare prevalentemente la funzionalità di utilizzo per le grigliate all’aperto, ma le sue caratteristiche lo rendono oltremodo versatile.

Questo braciere per barbecue, infatti, è parte integrante di un tavolino da esterno che misura 35,5 centimetri di altezza e 76 centimetri di diametro. La superficie è interamente piastrellata, con una stella a cinque punte che decora una sezione interna da 51,5 centimetri di diametro. Questa sezione può essere rimossa, consentendo così l’accesso al braciere.

La dotazione accessoria include una griglia tonda, una cupola protettiva a grata, per il piatto del braciere, e un telo di protezione con cui coprirlo quando non viene usato, in modo da proteggerlo dalla pioggia e dagli agenti atmosferici. La ditta produttrice, ovviamente, consiglia di usare il telo di protezione solo quando il braciere ha avuto modo di raffreddarsi del tutto.

 

Pro

Versatile: Può essere usato come tavolino di supporto, come elemento d’arredo e anche come barbecue. Il Trueshopping 653003TCB vi lascia soltanto l’imbarazzo della scelta.

Accessoriato: La sua dotazione di accessori include una cupola protettiva a grata, una griglia d’acciaio e un telo di protezione per coprirlo quando non viene usato.

Design: La superficie piastrellata e decorata, per non parlare del design del telaio in acciaio, lo rendono estremamente bello dal punto di vista estetico.

 

Contro

Ruggine: A differenza degli altri bracieri esaminati nella nostra guida, quello della ditta Trueshopping sembra essere molto più soggetto a usura per colpa della ruggine.

Acquista su Amazon.it (€223,99)

 

 

 

Braciere per camino

 

ShoppingStones PL05

 

Ed ecco un modello che interesserà a chiunque abbia un caminetto in casa, si tratta infatti di un braciere per camino che misura 50 centimetri di larghezza, 32 centimetri sul lato corto e 16 centimetri in altezza. È quindi adeguato anche ai camini dalle camere particolarmente ampie. Questo braciere per camino è realizzato interamente in ghisa, infatti è robusto e pesa nove chilogrammi, resiste senza problemi ad altissime temperature e, per quanto si tratti di un prodotto economico di media qualità, ha pur sempre il pregio di essere al 100% Made in Italy. I pareri degli acquirenti, però, sono alquanto discordanti.

Alcuni, infatti, ne lodano la funzionalità, il buon rapporto qualità-prezzo, la stabilità e la capacità di contenere anche ceppi di quercia di grosso diametro. Secondo altri invece, per essere un braciere da camino la qualità della ghisa è decisamente mediocre, e quindi tende a usurarsi più in fretta del dovuto.

 

Pro

Resistente: Il braciere PL05 prodotto da ShoppingStones è realizzato interamente in ghisa, quindi è pesante e ha il pregio di resistere alle altissime temperature.

Made in Italy: Si tratta di un prodotto al 100% italiano. Qualitativamente parlando è soltanto nella media, ma è ben realizzato ed estremamente funzionale.

Capiente: La culla è ampia e abbastanza capiente da contenere senza problemi anche i ceppi più grandi, sia per quanto riguarda il diametro sia per il loro peso.

 

Contro

Qualità: I più esigenti hanno storto il naso davanti alla qualità della ghisa, dicendo che è appena mediocre e quindi poco duratura e poco resistente all’usura, ma è da verificare.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Come scegliere un buon braciere

 

Se vi state chiedendo dove acquistare un nuovo braciere, le opzioni possibili sono diverse. Potete rivolgervi a un rivenditore se ne conoscete uno, magari a una ferramenta ben fornita, oppure più semplicemente provare a cercarlo online, con la certezza di poter puntare al modello più economico. Ma in ogni caso, per capire davvero come scegliere un buon braciere bisogna prima di tutto valutare le proprie necessità e il tipo di utilizzo che si intende farne.

 

 

Scopi del braciere

I bracieri, infatti, sono in uso fin dai tempi più remoti e hanno sempre assolto a più di uno scopo. Venivano usati per accendere fuochi in maniera controllata, in modo da fornire illuminazione e, in alcuni casi, anche per offrire una fonte di calore all’ambiente nel quale venivano collocati, inoltre avevano una valenza come elementi decorativi ed erano spesso posizionati in piazzali, giardini e terrazze a scopo di abbellimento, anche in posizione sospesa, appendendoli con delle catene.

Ovviamente però, come accennato in precedenza, la loro funzione primaria rimane quella di permettere al fuoco di essere acceso in piena sicurezza, e di raccogliere le braci che produce, cosa che può risultare utile per svariati scopi e in diverse circostanze.

In occasione di una festa all’aperto, per esempio, in modo da creare un’atmosfera suggestiva, oppure per organizzarsi e passare una notte d’estate all’aperto in dolce compagnia, a guardare le stelle e scaldarsi al calore del fuoco scoppiettante, o ancora per divertirsi a cucinare cibi alla griglia, insieme alla propria famiglia o in compagnia di amici.

 

Tipologie di braciere

In base al modello, o alla ditta produttrice, i bracieri possono essere realizzati in acciaio o in ferro, e possedere quindi caratteristiche particolari.

I bracieri in ferro per esempio, sono soliti essere più piccoli e leggeri rispetto a quelli in acciaio, oltre che più economici. Sono più facili da conservare visto che occupano il minimo ingombro, soprattutto quelli smontabili, quindi sono adatti soprattutto a chi ha la necessità di trasportarli, come i campeggiatori e gli escursionisti.

Quelli realizzati in acciaio, invece, sono decisamente più pesanti e scomodi nell’ottica del trasporto, ma offrono una maggiore solidità e robustezza, oltre a offrire un maggior effetto scenico e d’arredo, soprattutto se vengono collocati all’esterno.

Entrambe le tipologie di braciere sono soggette ad arrugginirsi col passare del tempo però, soprattutto se esposti direttamente alle intemperie; l’acciaio usato per la costruzione dei bracieri, infatti, non subisce il trattamento necessario a renderlo inossidabile. Alcuni però trovano questa caratteristica molto apprezzabile, dal momento che una naturale patina di ruggine conferisce al braciere un aspetto “arcaico” che gli dona moltissimo, valorizzandolo notevolmente dal punto di vista estetico.

I piedi di supporto possono essere fissi o rimovibili, a seconda del modello. Nel primo caso è bene fare attenzione ai dettagli, e alle saldature soprattutto, in modo da verificare che siano ben fatte e assicurino la giusta tenuta. Nel caso scegliate un modello con piedi rimovibili invece, ricordatevi di controllare che la dotazione di accessori includa tutto il necessario per il montaggio.

 

I bracieri da camino

Esistono poi bracieri progettati appositamente per essere usati come supporto per la legna da ardere nei camini. Questi bracieri sono caratterizzati da una forma diversa, simile a una culla, in modo da poter accomodare i ceppi e farli ardere stabilmente, senza correre il rischio che si spostino spargendo tizzoni ovunque.

I bracieri da camino sono realizzati principalmente in ghisa, perché questo materiale è estremamente solido e resistente, ed è capace di resistere anche ad altissime temperature. Anche in questo caso le differenze tra i vari modelli in commercio interessano soprattutto la qualità della ghisa utilizzata nella loro fabbricazione e le dimensioni, in modo da adattarsi a quelle del camino dell’acquirente.

Tra i modelli più costosi, inoltre, si possono trovare anche i kit completi da camino che, oltre al braciere, includono anche la grata di protezione, gli alari, gli attizzatoi e gli altri strumenti necessari alla cura del fuoco e del camino.

 

 

Confrontare i vari modelli

Nella nostra guida abbiamo dato un’occhiata a diversi modelli di braciere, scelti soprattutto dalla fascia dei prodotti a prezzi bassi. Ognuno appartiene a una delle tipologie elencate in precedenza, nella fattispecie si tratta dei più richiesti per ogni genere, tra quelli attualmente disponibili sul mercato. I migliori bracieri del 2019 secondo le testimonianze dei numerosi acquirenti soddisfatti.

Se volete essere certi di fare la scelta giusta e acquistare il miglior braciere per le vostre esigenze, sarà bene esaminarli con attenzione uno per uno, attuando poi una comparazione delle diverse caratteristiche offerte da ogni modello. In questo modo sarete in grado di individuare in modo facile e veloce quale braciere comprare.

 

 

 

Domande frequenti

 

Cosa significa braciere?

La parola braciere deriva da brace, e indica appunto un contenitore atto a raccogliere e contenere le ceneri di un fuoco, oppure dei carboni ardenti, e veniva solitamente usato sia ausilio nelle antiche cucine, per la preparazione e la cottura dei cibi, sia per riscaldare gli ambienti.

 

Braciere, come si usa?

Il suo utilizzo è estremamente semplice, basta versare al suo interno le braci tolte dal camino, oppure collocare i ceppi di legno o il carbone direttamente nel piatto metallico e poi accendere il fuoco. È dotato anche di maniglie, in modo da poterlo sollevare e trasportare all’occorrenza.

 

Braciere camino, a cosa serve?

Il braciere da camino è una variante che si utilizza appunto nei camini, come supporto dove appoggiare i ceppi di legna da ardere per tenerli ben fermi. Solitamente hanno una forma a culla, con feritoie per far passare cenere e tizzoni, e sono realizzati in ghisa, per resistere alle alte temperature.

 

Come costruire un braciere da giardino?

I bracieri da giardino sono né più né meno dei grossi piatti metallici completi di piedi di supporto e maniglie, che permettono loro di essere spostati all’occorrenza.

L’alternativa all’acquisto di un braciere da giardino potrebbe essere la sua autocostruzione, ma è un’operazione che richiede strumenti adeguati e conoscenza di tecniche di saldatura, quindi è consigliabile esclusivamente a chi ha una certa esperienza nella lavorazione del ferro, anche se soltanto a livello amatoriale.

 

Come riutilizzare un vecchio braciere?

Se possedete un vecchio braciere inutilizzato e arrugginito, è possibile recuperarlo e riutilizzarlo senza problemi, sempre che non sia eccessivamente rovinato ovviamente.

I vecchi braciere possono essere riadattati come elementi decorativi per esempio, una volta spazzolati per togliere via la parte polverosa della ruggine, basta piazzarli in un angolo affinché facciano la loro bella figura, o inserirli in composizioni particolari con rocce e altri elementi.

È possibile utilizzarli anche come fioriere volendo, per riporre piccoli vasi al fine di creare simpatiche composizioni floreali. Se la struttura non è stata irrimediabilmente corrosa al punto da sbriciolarsi, è possibile anche sottoporli a un trattamento antiruggine in modo da poterli riutilizzare per la loro funzione primaria di bracieri.

 

Come pulire il braciere della stufa a pellet?

I bracieri delle stufe a pellet rappresentano una categoria a parte. Hanno bisogno di una manutenzione ordinaria per assicurare il corretto funzionamento della stufa e il massimo della resa per quanto riguarda le prestazioni.

Dal momento che il pellet genera una cenere finissima, infatti, questa va a occludere abbastanza in fretta i fori del braciere, impedendo il passaggio dell’aria necessaria ad assicurare una buona combustione. Per pulirli è meglio armarsi di pazienza e di un buon bidone aspiraceneri, oppure rivolgersi a un tecnico specializzato.

 

Quanto costa un braciere?

Il prezzo di un braciere può variare in base al materiale impiegato per la fabbricazione, alle dimensioni e alla tipologia, e può andare dalle poche decine fino alle migliaia di euro, a seconda del modello scelto. Lo standard di prezzo per i modelli della fascia economica, però, si aggira solitamente tra i 40 e i 150 euro circa.

 

 

 

Come utilizzare un braciere

 

Il braciere rappresenta uno dei più arcaici sistemi messi a punto dall’uomo e usati per il riscaldamento delle abitazioni, per l’illuminazione e per la cottura dei cibi.

Il suo scopo primario è appunto quello di raccogliere le braci, da cui il nome, e poi di essere opportunamente sistemato negli ambienti da riscaldare. Una versione di piccole dimensioni, inoltre, dotata di manico e coperchio bucherellato, veniva usata appositamente per scaldare letti e coperte durante i periodi invernali.

 

 

Un ulteriore utilizzo del braciere, attuato in tempi più recenti però, era quello della stiratura dei panni. I primi ferri da stiro, infatti, non erano altro che dei bracieri dalla forma adattata a svolgere quello specifico ruolo. Bracieri di piccole dimensioni invece, sospesi a dei pali di supporto tramite catenelle e ganci, erano normalmente utilizzati nelle strade e nelle piazze come rudimentali lampioni da illuminazione.

Al giorno d’oggi i sistemi di riscaldamento, i climatizzatori e la corrente elettrica in generale, hanno notevolmente ridotto la necessità d’impiego dei bracieri, ma questi ultimi vengono ancora ampiamente usati a livello domestico, soprattutto come strumenti per la cottura dei cibi e come elementi decorativi d’arredo.

Per quanto riguarda la cottura, un braciere vi permetterà di grigliare alimenti in quantità tanto maggiori quanto più ampie sono le dimensioni della conca, ed è quindi ideale per organizzare i barbecue in compagnia della famiglia al completo, oppure con gli amici.

Per questo tipo di utilizzo i modelli di piccole dimensioni risultano molto più versatili, perché sono facilmente trasportabili e quindi possono essere usati in vacanza, in campeggio o in situazioni di fortuna.

L’uso ornamentale e decorativo dei bracieri, invece, non è mai venuto meno fin dalla loro origine ed è particolarmente apprezzato soprattutto da coloro che amano le atmosfere antiche. Dato che il loro aspetto è rimasto assolutamente invariato nel corso dei secoli, infatti, sono spesso utilizzati per abbellire giardini, terrazze e cortili interni delle abitazioni, in modo da creare degli angoli suggestivi permeati da un’aura anacronistica, soprattutto se il braciere è ricoperto da una naturale patina di ruggine che ne sottolinea la vetustà.

 

 

In quest’ottica possono essere semplicemente collocati in un punto specifico, dove saranno lasciati vuoti o periodicamente accesi, in occasione di ricorrenze o festività particolari, oppure inseriti in composizioni comprensive di altri elementi, come piante, rocce, vecchi attrezzi agricoli e altro ancora, a seconda di quanto possono spingersi lontano la vostra immaginazione e il gusto estetico.

 

 

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (3 voti, media: 5.00 su 5)
Loading...