I 6 Migliori Umidificatori del 2019

Ultimo aggiornamento: 08.12.19

 

Umidificatore – Guida all’acquisto e Confronti

 

L’umidificatore è un piccolo dispositivo il cui scopo è bilanciare la percentuale di umidità nell’aria e riportarla alla normalità quando quest’ultima è troppo secca. Sul mercato sono disponibili numerosi modelli, i più apprezzati dei quali sono il Chicco Humi Essence, per le sue numerose funzionalità tra cui un efficace sistema di purificazione, e il Victsing, grazie al suo prezzo economico.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

I 6 Migliori Umidificatori – Classifica 2019

 

In questa pagina esaminiamo modelli di diverso tipo tra cui vi invitiamo a fare una comparazione per cercare il miglior umidificatore che possa fare al caso vostro. Leggete dunque le recensioni, sono tutti prodotti estremamente apprezzati dai consumatori.

 

 

Umidificatore Chicco

 

1. Chicco 5872 Umidificatore a Caldo Humi Essence

 

Questo umidificatore Chicco è pensato per piccoli ambienti e per bambini, lo si capisce dal design colorato con le nuvolette. Rispetto agli altri modelli analizzati in alto, troviamo alcune differenze: intanto, questo è un prodotto che costa meno. Minore però è anche l’autonomia che arriva al massimo a 7,5 ore di funzionamento continuo. Quando l’acqua è esaurita, il dispositivo si blocca. Non c’è il timer.

La differenza principale rispetto agli altri modelli è che questo è un umidificatore a caldo, motivo per cui è più adatto ai bambini. Qui l’acqua non viene trasformata in vapore con gli ultrasuoni ma viene riscaldata: il risultato è che il getto è caldo, quindi piacevole anche in inverno, e privo di batteri.

Gli aspetti negativi di cui tenere conto è che questi dispositivi sono più rumorosi di quelli a freddo e più soggetti alla formazione di calcare.

Anche questo modello può essere usato come diffusore di aromi perché contiene una vaschetta dove inserire gli oli essenziali.

Vediamo in breve le prestazioni offerte da questo umidificatore Chicco, campione di vendite online.

 

Pro

A caldo: Questo è un umidificatore a caldo, l’acqua non viene colpita dagli ultrasuoni ma viene riscaldata, generando un vapore caldo, piacevole in inverno e privo di batteri.

Per bambini: Proprio per questi motivi, l’umidificatore Chicco è particolarmente indicato per i bambini. Anche il design colorato con le nuvolette è pensato per loro.

Diffusore di aromi: L’apposita vaschetta per gli oli essenziali consente di trasformare l’umidificatore in diffusore di aromi.

 

Contro

Funzioni: Si tratta di un modello abbastanza economico e, pertanto, bisogna rinunciare a diverse funzioni presenti in altri modelli, come il timer, la luce LED, un serbatoio più ampio.

Calcare: Gli umidificatori a caldo sono più soggetti alla formazione di calcare e sono anche più rumorosi di quelli a freddo.

Acquista su Amazon.it (€39,9)

 

 

 

Umidificatore ultrasuoni

 

2. VicTsing 300ml Diffusore di Oli Essenziali, 23dB

 

Questo prodotto è prima di tutto un diffusore di oli essenziali per casa o ufficio. È uno dei modelli più venduti online perché può essere acquistato a un prezzo non eccessivo, poi perché ha una linea sinuosa molto gradevole con un materiala che riproduce l’effetto del legno ed è disponibile in due colori.

Il serbatoio ha una capacità di 300 ml e dovrebbe garantire un funzionamento di circa 10 ore: come tutti i migliori modelli, utilizza la tecnologia a ultrasuoni per creare la nebbiolina, in questo modo non alterando minimamente la struttura molecolare degli oli essenziali che quindi verranno diffusi puri nell’aria.

Molto apprezzata anche la funzione di cromoterapia affidata alla striscia LED centrale che può rimanere fissa su un colore o variare tra sette colori diversi.

È presente il timer e la doppia modalità per avere una nebbiolina più o meno fitta. Quando l’acqua sta per terminare, il dispositivo si spegne da sé. Se non si aggiungono gli oli essenziali, ecco che il VicTsing diventa un umidificatore ma solo per ambienti piccoli e senza le funzioni che si trovano nei modelli più specifici.

Rivediamo in breve le caratteristiche principali di questo modello, tra i più venduti sul mercato. Scopriamo perché.

 

Pro

Diffusore: La funzione principale di questo prodotto è quella di diffusore di aromi per ambienti. Bastano poche gocce di olio essenziale per riposare la mente e alleviare lo stress.

Cromoterapia: A questa funzione il diffusore aggiunge anche la cromoterapia. La striscia LED centrale è infatti molto riposante e può essere lasciata fissa o variare tra sette colori diversi.

Ultrasuoni: Vengono utilizzati gli ultrasuoni per creare la nebbiolina, in modo che le gocce di olio essenziale non vengano minimamente alterate a livello molecolare.

Regolazioni: Si può ottenere una nebbiolina più o meno fitta e, quando l’acqua sta per terminare, il dispositivo si spegne automaticamente.

 

Contro

Umidificatore: Senza aggiungere gli oli essenziali, il VicTsing diventa semplice umidificatore ma solo per ambienti piccoli e senza ulteriori funzioni.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

3. InnoBeta Fountain 3,0L Umidificatore Ultrasuoni per Bambini

 

Pareri ampiamente positivi ha suscitato questo InnoBeta che abbiamo quindi inserito nella nostra classifica dei migliori umidificatori del 2019.

Si tratta di un prodotto a ultrasuoni moderno, con display touch molto gradevole esteticamente da cui gestire, per esempio, il timer e i tre livelli di nebulizzazione: alta, media e bassa.

Arriva corredato da due utili accessori: uno è l’igrometro che visualizza orario, temperatura e percentuale di umidità. L’altro è il telecomando che permette di controllare le varie funzioni senza alzarsi dalla poltrona.

Il serbatoio da 3 litri è molto capiente e assicura un funzionamento fino a 12 ore, praticamente tutta la notte: la luce a LED laterale può essere tenuta accesa proprio nelle ore notturne.

Nell’apposito contenitore è possibile versare qualche goccia di olio essenziale e rendere l’ambiente dove soggiornare e lavorare più piacevole. Il dispositivo è pensato per tutti: adulti, bambini e anziani.

Molto apprezzato il nuovo InnoBeta Fountain, di cui qui rivediamo le principali caratteristiche.

 

Pro

Display touch: Il display touch è molto elegante e permette di controllare facilmente le varie funzioni.

Funzioni: Questo umidificatore ha due livelli di nebulizzazione, timer, spegnimento automatico, luce LED notturna e, aggiungendo qualche goccia di olio essenziale, diventa anche diffusore di aromi.

Serbatoio: Il serbatoio capiente da 3 litri assicura un funzionamento ininterrotto per circa 12 ore.

Accessori: In dotazione si trova il pratico telecomando per gestire le funzioni senza alzarsi dalla poltrona, e un igrometro che indica ora, temperatura e livello di umidità.

 

Contro

A freddo: Essendo un modello a freddo, la nebbiolina che emette è fredda e quindi particolarmente fastidiosa in inverno.

Acquista su Amazon.it (€49,99)

 

 

 

Umidificatore termosifone

 

4. Nextradeitalia 63CF Umidificatore X

 

Come scegliere un buon umidificatore per termosifoni? Date un’occhiata a questo modello. Non ha niente di particolarmente appariscente, è un normale umidificatore come se ne vedono tanti ma il suo lavoro lo fa.

Si tratta di un modello in ceramica rettangolare, resistente, di colore bianco che misura 8 x 20 cm; la confezione include i relativi ganci.

L’aspetto più interessante è probabilmente il prezzo che si riferisce a 18 pezzi in totale, cioè due confezioni da 9 ognuna, sufficienti quindi per tutti i radiatori della propria abitazione.

Una breve sintesi delle caratteristiche di questi umidificatori per termosifoni.

 

Pro

Gancio: L’umidificatore è completo perché arriva con relativo gancio ed è quindi subito pronto all’uso.

Prezzi bassi: Il prezzo di vendita è assolutamente competitivo perché si riferisce a due confezioni da nove pezzi ciascuna, in totale 18 umidificatori.

Contro

Design: Si tratta di un modello molto semplice dal punto di vista del design, forse troppo per qualcuno.

Acquista su Amazon.it (€37,77)

 

 

 

Umidificatore Taotronics

 

5. TaoTronics Umidificatore Ambiente Ultrasuoni TaoTronics

 

L’umidificatore TaoTronics TT-AH001, nonostante il prezzo consistente, è uno dei modelli più richiesti tra tutti quelli attualmente disponibili sul mercato. Le ragioni del suo successo e dell’elevato gradimento riscosso presso gli acquirenti, sono da ricondurre alle sue eccellenti prestazioni e all’alto livello tecnologico del prodotto.

L’apparecchio, infatti, è uno dei pochi esemplari della sua categoria a offrire la possibilità di regolare il tasso di umidità, impostabile con un valore qualsiasi compreso tra il 40 e il 95%. Dispone di una modalità di funzionamento che gli permette di purificare l’aria e di una cartuccia speciale capace di purificare l’acqua contenuta nel serbatoio.

La capacità di quest’ultimo offre un’autonomia di funzionamento di ben 15 ore, per coprire l’arco di un’intera notte. È dotato di un comodo display LED, sul quale si possono visualizzare la percentuale di umidità e le altre modalità di funzionamento, e di un timer programmabile per lo spegnimento automatico.

 

Pro

Regolabile: Grazie ai controlli elettronici permette di regolare la percentuale di umidità desiderata con variazioni del 5%, in un intervallo dal 40 al 95%.

Timer: Con il timer incorporato è possibile programmarlo per lo spegnimento automatico, quindi è ideale per l’utilizzo notturno, soprattutto nella cameretta dei bambini.

Cartuccia filtrante: La cartuccia microporosa in ceramica permette di filtrare l’acqua da microrganismi, ioni di magnesio e particelle di calcio.

Modalità anioni: Questa particolare modalità di funzionamento aiuta a purificare l’aria della stanza, rendendola più sana e sicura da respirare.

 

Contro

Forte luminosità: Il LED blu ha una luminosità molto intensa che potrebbe dare fastidio durante la notte, soprattutto ai più sensibili.

Acquista su Amazon.it (€49,99)

 

 

 

Altri prodotti

 

6. InnoBeta Waterdrop 2,4 L Umidificatore Bambini

 

Ecco un altro umidificatore InnoBeta nella nostra classifica. Rispetto all’altro, questo modello è più economico, ha un design diverso, a forma di goccia, con la parte centrale illuminata a LED e con possibilità di scegliere tra sette colori diversi.

Altra differenza è la presenza in questo caso del filtro che purifica l’acqua perché trattiene le impurità, emette un getto più fresco e pulito e protegge lo stesso umidificatore.

Il serbatoio da 2,4 litri è un po’ più piccolo qui ma garantisce comunque circa 12 ore di funzionamento, l’ideale per tenerlo acceso tutta la notte.

Ruotando la manopola alla base si regola l’intensità del getto fino al livello desiderato; ruotando invece il beccuccio in alto lo si può direzionare nel punto desiderato.

Come l’altro umidificatore InnoBeta, anche questo presenta un piccolo serbatoio a parte dove inserire qualche goccia di olio essenziale per utilizzarlo come diffusore.

Ricapitoliamo i principali vantaggi e svantaggi di un altro umidificatore InnoBeta molto apprezzato col link dove acquistare il prodotto al miglior prezzo.

 

Pro

Filtro: Una delle differenze principali rispetto all’altro InnoBeta è la presenza del filtro che trattiene le impurità e quindi assicura un getto di vapore acqueo più pulito, contribuendo in definitiva anche a prolungare la vita del dispositivo.

Design: Il design a forma di goccia è molto gradevole, così come la possibilità di usare il prodotto come luce notturna scegliendo tra sette colorazioni diverse.

Regolazioni: Ruotando la rotellina in basso si ottiene un’intensità differente del getto, mentre ruotando il beccuccio in alto si direziona il getto nel punto desiderato.

Diffusore: Anche qui è presente il piccolo serbatoio separato dove inserire poche gocce di olio essenziale e usare l’umidificatore come diffusore.

 

Contro

Manca il timer: Quando l’acqua si sta esaurendo il dispositivo si spegne da solo, manca però il timer.

Acquista su Amazon.it (€39,99)

 

 

 

Guida per comprare un umidificatore

 

Perché acquistare un umidificatore

Mantenere la giusta percentuale di umidità nell’aria è estremamente importante, soprattutto per la salute. Quando l’aria è troppo secca, infatti, può diventare nociva per la salute e causare problemi alle vie respiratorie e alla pelle, rendere difficoltosa la respirazione e favorire l’insorgere di mal di gola e altri problemi, come la secchezza delle cornee per esempio.

I più esposti a questi rischi, come di solito accade, sono le persone anziane e i bambini piccoli. Quindi è bene controllare l’aria della propria casa usando un igrometro o una semplice stazione meteo, e cercare di capire se è il caso o meno di dotarsi di un buon umidificatore per risolvere il problema.

Umidificatori a caldo e a freddo

Scegliere un umidificatore potrebbe risultare alquanto complicato, data la vasta gamma di apparecchi disponibili sul mercato. Anche se le categorie principali in cui rientrano sono soltanto due infatti, i modelli a caldo e quelli a freddo, la scelta diventa veramente ampia quando si guarda alle dimensioni, all’aspetto esteriore e alle diverse funzionalità offerte.

Prima di addentrarci nella disamina delle caratteristiche tecniche, però, è bene cominciare innanzitutto a vedere in cosa differiscono le due categorie principali di umidificatori.

I modelli a caldo sono dotati di resistenza elettrica. Alcuni li considerano più efficaci rispetto a quelli a freddo, dal momento che emettono vapore caldo e, in questo modo, permettono all’umidità di stazionare più tempo in sospensione nell’aria. La pecca di questi apparecchi però è data dall’elevato assorbimento di energia, dai 360 ai 500 Watt e oltre a seconda del tipo, e dalla potenziale pericolosità se non li si maneggia con cautela.

I modelli a freddo, invece, sono basati sull’azione di ultrasuoni che scompongono le particelle d’acqua e la nebulizzano nell’aria sotto forma di vapore freddo. Lo svantaggio è che, essendo appunto freddo, il vapore tende a ricadere quasi subito sulle superfici e sul pavimento della stanza; i pregi, invece, sono il basso consumo di elettricità, che può variare dai 30 ai 60 Watt a seconda del modello, e la sicurezza d’utilizzo.

 

Ulteriori caratteristiche

Nonostante le apparenti limitazioni degli umidificatori a freddo, questi rappresentano la varietà più richiesta sul mercato grazie al loro ridotto consumo di elettricità.

A prescindere dalla tipologia scelta, però, gli umidificatori possono offrire anche ulteriori funzionalità che potrebbero rivelarsi più o meno utili a seconda delle esigenze da soddisfare.

I modelli più economici si limitano quasi esclusivamente alla funzione di umidificazione, che ovviamente include anche quella di diffusore di aromi, e incorporano dei LED luminosi multicolori che possono fungere da luci notturne, se l’apparecchio viene usato di notte. I modelli economici destinati prevalentemente alle camerette dei bambini, per esempio, possono integrare particolari sistemi di illuminazione che riproducono un cielo stellato sul soffitto della stanza, per esempio.

Spostandoci nella fascia medio-alta, invece, troviamo apparecchi che permettono di regolare la percentuale di umidità emessa, per esempio, oppure dotati di ulteriori modalità di funzionamento che hanno lo scopo di migliorare la qualità dell’aria nella stanza, permettendo di filtrare le particelle contaminanti, sia quelle di natura organica sia inorganica, eventualmente contenute nell’acqua.

Chi ha particolari esigenze, quindi, chi vive in compagnia di persone anziane, oppure di bambini piccoli, è preferibile che orienti la sua scelta verso uno di questi apparecchi dotati di sistemi di filtrazione e purificazione, anche se tendono a essere un po’ più costosi.

I ventilatori che umidificano

Una particolare tipologia di umidificatori è rappresentata dai raffrescatori evaporativi. Si tratta di dispositivi di grandi dimensioni però, e solitamente destinati prevalentemente all’utilizzo durante la stagione estiva, per consentire all’aria di mantenere un livello di umidità adeguato.

Questi apparecchi sono in realtà dei normali ventilatori che incorporano un serbatoio dove inserire acqua fredda o mattonelle refrigeranti. Una volta acceso il raffrescatore, la ventola crea un moto d’aria che favorisce l’evaporazione naturale dell’acqua, diffondendola poi nell’ambiente, rinfrescandolo e rendendolo meno secco al tempo stesso. Sono disponibili perfino ventilatori di nuova generazione dotati di questa funzione, come i modelli ciclonici prodotti da Sir James Dyson per esempio.

Si tratta però di apparecchi caratterizzati da un costo decisamente più elevato rispetto ai semplici umidificatori, e quindi li abbiamo citati esclusivamente per dovere di cronaca.

 

 

 

Domande frequenti

 

Umidificatore, a cosa serve?

L’umidificatore è un dispositivo utilizzato per ristabilire la giusta percentuale di umidità nell’aria, in modo da evitare che diventi troppo secca e possa creare problemi di congestionamento delle vie respiratorie, soprattutto in anziani e bambini piccoli.

 

Umidificatore a ultrasuoni, come funziona?

Il funzionamento degli umidificatori a ultrasuoni è basato su una piastrina metallica che vibra a una velocità ultrasonica, generando così delle frequenze non udibili dall’orecchio umano ma potenti quanto basta per rompere i legami delle particelle d’acqua contenuta nel serbatoio, per poi emetterla nell’aria circostante sotto forma di vapore freddo.

 

Quanto costa un umidificatore?

Gli umidificatori disponibili sul mercato possono avere un prezzo variabile dai 10-15 euro dei modelli più semplici ed economici, fino ai 150 euro e oltre dei modelli più costosi. Esistono anche dei ventilatori che possiedono la funzione di umidificatori ma sono apparecchi decisamente più costosi.

Il loro prezzo, infatti, oscilla dai 160 ai 500 euro circa, a seconda del modello scelto.

 

Umidificatore per bambini, quando usarlo?

L’uso dell’umidificatore nella cameretta dei bambini è alquanto controverso, alcuni pediatri lo sconsigliano mentre altri sono favorevoli. In ogni caso un ambiente troppo secco potrebbe rappresentare un serio problema per un bambino, quindi è consigliabile usarlo con cautela e quando le condizioni ambientali lo richiedono.

È preferibile inoltre usarlo di notte, perché aiuta a combattere il naso chiuso e a ridurre la secchezza delle vie respiratorie.

 

Come pulire l’umidificatore?

Per pulire il filtro è consigliabile usare soltanto acqua molto fredda, in modo da evitare detergenti chimici che possano rilasciare residui dannosi. Per pulire il serbatoio dell’acqua, invece, mettere da una a tre tazze di aceto al suo interno, a seconda della capacità, scuotendolo in modo da distribuirlo ovunque. Per la scocca esterna è bene fare lo stesso, pulendola con una spugnetta imbevuta di acqua e aceto.

In questo modo riuscirete non soltanto a disinfettarlo, grazie all’azione dell’alcol, ma anche a sciogliere gli eventuali depositi di calcare.

 

Come umidificare una stanza senza umidificatore?

Il metodo tradizionale più usato per umidificare una stanza è la classica vaschetta d’acqua da mettere sul termosifone oppure, in alternativa, dei panni bagnati. Un altro metodo classico, ma potenzialmente rischioso, è quello di mettere una pentola con molta acqua sul fuoco, col fornello al minimo.

 

Dove posizionare l’umidificatore?

L’importante è collocarlo su una superficie piana dove non rischia di essere urtato accidentalmente, soprattutto se lo usate durante la notte. Se lo collocate nella stanza dei bambini piccoli, inoltre, cercate di posizionarlo in uno scaffale alto, in modo che non possa essere raggiunto.

 

Come pulire un umidificatore a ultrasuoni?

Per gli umidificatori a ultrasuoni vale lo stesso discorso fatto in precedenza, e cioè trattare periodicamente il serbatoio con aceto, in modo da disinfettarlo e prevenire l’accumulo di calcare. Per la semplice pulizia disinfettante della scocca, invece, potete usare anche acqua ossigenata o candeggina, sempre miscelata con una certa quantità di acqua ovviamente.

 

Umidificatore, quanto tenerlo acceso?

L’umidificatore va usato con una certa cautela, ovviamente, per evitare che sortisca l’effetto opposto e contribuisca all’accumulo di umidità in casa. Quindi è consigliabile tenerlo acceso per non più di qualche ora, durante il giorno, e non oltre le dieci ore durante la notte.

 

 

 

Come usare correttamente l’umidificatore

 

Prima di adoperarvi per l’utilizzo di questo dispositivo, è molto importante che vi assicuriate della sua effettiva necessità. Alterare il livello di umidità in casa senza un previo controllo della sua effettiva percentuale, infatti, può portare più problemi che benefici.

 

 

Una stazione meteo domestica digitale, di quelle che hanno anche il sensore igroscopico incorporato, potrà esservi molto d’aiuto in questo caso e permettervi di raccogliere dati sul lungo periodo di tempo. In questo modo potrete stabilire l’incidenza dell’umidità nella vostra abitazione e le sue variazioni in base alla stagione, in modo da capire non soltanto se esiste la reale necessità di usare questo dispositivo, ma anche di impostare l’emissione sull’esatta quantità richiesta dalle vostre esigenze.

Fatta questa dovuta premessa possiamo analizzare nello specifico come utilizzare l’umidificatore.

Innanzitutto è bene chiarire che esistono due tipi di umidificatori, quelli a caldo e quelli a freddo. I modelli a caldo usano una piccola resistenza per scaldare l’acqua contenuta nel serbatoio, emettendola così sotto forma di vapore; i modelli a freddo, invece, sfruttano l’azione degli ultrasuoni per scomporre le molecole d’acqua e rilasciare una fine nebbiolina fredda nell’aria.

Il risultato che si ottiene è lo stesso, ovviamente, ma i metodi sono diversi e molti preferiscono usare gli apparecchi a ultrasuoni perché ritenuti più sicuri, oltre che per il minor consumo di elettricità rispetto ai modelli a caldo. Nonostante le differenze però, la maggior parte degli umidificatori disponibili sul mercato sono quasi tutti simili tra loro, e in definitiva sono molto facili da usare.

Basta riempire il serbatoio con acqua, preferibilmente distillata in modo da evitare l’accumulo di calcare, e nel farlo stare attenti a non superare l’indicazione di riempimento massimo, che varia a seconda del modello e delle sue dimensioni. Una volta riempito il serbatoio e collegato il dispositivo alla corrente, basterà accenderlo e selezionare la modalità di funzionamento preferita.

Alcuni modelli offrono la possibilità di regolare la percentuale di umidità emessa, in modo da adattarla a seconda delle condizioni climatiche nell’abitazione o dal tipo di necessità contingente. Lo stesso vale per il timer che, dove presente, può essere programmato per lo spegnimento automatico all’orario impostato.

 

 

Un aspetto molto importante da non trascurare è la pulizia dell’apparecchio ovviamente, dato che l’acqua è veicolo di sostanze organiche e minerali che potrebbero contaminare l’aria oppure generare malfunzionamenti nell’apparecchio. Ecco perché, come accennato prima, è bene usare solo acqua distillata oppure acquistare un modello dotato di sistema di filtraggio.

Per la pulizia del filtro, nei modelli che ne sono dotati, è consigliabile non usare detergenti chimici che potrebbero lasciare residui al suo interno, ma solo acqua fredda, per il serbatoio invece, si possono usare aceto, candeggina oppure acqua ossigenata, in modo da provvedere anche a disinfettarlo da microrganismi e batteri.

 

 

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 voti, media: 5.00 su 5)
Loading...