I migliori cronotermostati

Ultimo aggiornamento: 25.06.19

 

Cronotermostati – Guida all’acquisto e confronti 2018

 

Il cronotermostato è quel dispositivo che permette di regolare la temperatura di esercizio negli impianti adibiti al riscaldamento domestico e a controllarne il funzionamento in modo da contribuire al risparmio energetico. Il mercato offre l’imbarazzo della scelta dati i numerosi modelli disponibili, da quelli analogici più semplici fino agli esemplari digitali con la tecnologia più avanzata. Tra quelli più venduti online troviamo il Netatmo by Starck, un cronotermostato smart in grado di utilizzare dei parametri basati sulle abitudini personali, stili di vita e la temperatura interna\esterna della casa. In alternativa potete optare per Vimar 01910 dall’ottimo rapporto qualità-prezzo e completamente programmabile. Per confrontare prezzi e offerte di altri prodotti vi invitiamo a continuare la lettura della nostra guida.

 

 

Tabella comparativa

 

Lo mejor de los mejores

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Opinioni sui migliori cronotermostati

 

Cercate il miglior cronotermostato per la vostra abitazione? Allora siete nel posto giusto: in questa pagina facciamo una comparazione tra alcuni dei modelli più apprezzati dagli utenti. Scoprite dunque quali sono!

 

Prodotti raccomandati

 

Cronotermostato Wi-Fi

 

Netatmo by Starck

 

Sono tante le caratteristiche che fanno di questo cronotermostato uno dei modelli più venduti online. L’estetica particolarmente curata è stata affidata al designer francese Philippe Starck. Francese è anche il produttore, Netatmo. La possibilità di cambiare il bordino consente di abbinarlo meglio al proprio arredamento.

Si tratta di un cronotermostato Wi-Fi che quindi può essere controllato anche da remoto tramite app dedicata. Non solo, questo piccolo dispositivo è compatibile con Alexa, Siri e con l’assistente Google, per cui si potrà cambiare la temperatura semplicemente pronunciando il comando. È anche possibile farlo mandando un messaggio su Messenger.

È un cronotermostato smart che, in base all’isolamento dell’abitazione e alla temperatura esterna, stabilisce quando avviare il riscaldamento. Poi si può creare una programmazione personalizzata inserendo alcuni dati sul proprio stile di vita e sulle proprie abitudini. Lo storico dei dati aiuta ulteriormente a farsi un’idea dei consumi e a ridurli.

Rivediamo adesso i principali vantaggi e svantaggi di un modello campione di incassi online, il cronotermostato Netatmo.

 

Pro

Design: È stata molto apprezzata l’estetica di questo modello minimale affidata al designer francese Philippe Starck. Sono disponibili involucri di diverso colore per abbinarlo meglio all’arredamento.

Wi-Fi: Il cronotermostato Netatmo è Wi-Fi, quindi può essere monitorato e gestito in remoto da smartphone e tablet grazie all’app dedicata.

Alexa: Questo modello è compatibile con l’assistente Google, con Siri e con Alexa per modificare la temperatura semplicemente pronunciando il comando. Lo si può fare anche via Messenger…

Smart: Il cronotermostato assicura un significativo risparmio sui consumi grazie alle sue funzioni smart che tengono conto di parametri come le abitudini personali, la temperatura esterna e l’isolamento della casa.

 

Contro

Prezzo: Chi cerca un modello economico storcerà il naso guardando il prezzo di questo termostato.

Acquista su Amazon.it (€159,95)

 

 

 

BEOK BOT-313

 

Come scegliere un buon cronotermostato completo ma che sia davvero economico? Provate a dare un’occhiata al prezzo di questo prodotto. Il marchio probabilmente non vi dirà granché ma sentite le prestazioni.

Nonostante il costo di primissima fascia, questo è un modello Wi-Fi che permette quindi di essere controllato da remoto tramite un’app che pare funzionare senza problemi e in modo molto semplice.

Certo, il design non sarà eccezionale ma il display è retroilluminato e le funzioni normalmente utilizzate ci sono: la programmazione può essere suddivisa per giorni infrasettimanali e fine settimana (considerando sabato e domenica insieme o separatamente).

Ogni giorno può essere diviso in sei fasce orarie e in ognuna di queste si può impostare ora e temperatura. Non è presente la programmazione giornaliera, c’è invece quella manuale. Qualche problema potrebbe esserci quando si va a incassarlo perché le dimensioni non sono standard e occorrerà probabilmente acquistare una scatola apposita. Per il prezzo pagato, è un affare.

Ricapitoliamo brevemente i punti salienti del nuovo Beok Bot-313.

 

Pro

Qualità/prezzo: Considerato il costo accessibilissimo di questo dispositivo, non stupisce il notevole successo di mercato che sta avendo.

Wi-Fi: Non sono molti i cronotermostati economici come questo a permettere il controllo da remoto tramite app dedicata.

Programmazione: Per quanto riguarda la programmazione, si può impostare la settimana dividendola in giorni infrasettimanali e weekend. Ogni giorno è diviso in fasce all’interno delle quali impostare ora e temperatura.

 

Contro

Giornaliera: Non è possibile impostare una programmazione diversa giorno per giorno.

Incasso: Poiché le dimensioni dell’apparecchio non sono standard, bisogna trovare la scatola adatta se lo si vuole incassare.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Cronotermostato Vimar

 

Vimar 01910

 

Vimar è un’azienda italiana molto nota nel settore: se volete affidarvi a questo marchio ma non sapete quale cronotermostato comprare date un’occhiata a questo modello, tra i più apprezzati sul mercato perché ha un ottimo rapporto qualità/prezzo. Cosa consente di fare?

Aprendo lo sportellino in basso si ha accesso al pannellino con i tasti che consentono di impostare la programmazione giornaliera e settimanale con passi anche di 15 minuti, una caratteristica che non tutti i termostati possono vantare.

Le temperature programmabili sono tre in riscaldamento e condizionamento e in più c’è quella antigelo. Naturalmente, è possibile scavalcare tutte le regolazioni definite impostando la funzione manuale. La stragrande maggioranza degli utenti ha sottolineato la facilità d’uso e anche d’installazione. Note dolenti: il termostato non è Wi-Fi, non è il massimo dal punto di vista del design e ha il display non retroilluminato.

Ed ecco un altro prodotto italiano molto apprezzato. Rivediamone le caratteristiche principali col link dove acquistare il prodotto al miglior prezzo.

 

Pro

Programmazione ogni 15 minuti: Il cronotermostato consente di impostare una programmazione giornaliera e settimanale con passi di 15 minuti e cambiamenti di mezzo grado alla volta.

Facilità d’uso: Una delle caratteristiche che gli utenti hanno tenuto a sottolineare è la facilità d’uso (e di installazione) grazie anche a qualche utile video esplicativo su Internet.

Qualità/prezzo: Il grande successo di vendite si spiega considerando il buon rapporto qualità/prezzo di questo dispositivo che ha le funzioni che più servono e si acquista a un prezzo ragionevole.

 

Contro

Display: Tra le note dolenti segnaliamo la presenza del display non retroilluminato e ricordiamo che il termostato non è Wi-Fi.

Acquista su Amazon.it (€65)

 

 

 

Cronotermostato BTicino

 

BTicino Smarther SX8000

 

Di questo Bticino ci sono due versioni: quella da incasso e quella da parete (SX800W), cioè senza scatola da incasso. In tutti e due i casi, si tratta di un modello molto apprezzato esteticamente e per le funzioni che integra.

È Wi-Fi, quindi consente di attivare il riscaldamento anche da remoto per tornare e trovare la casa calda e confortevole. Può essere controllato da dieci utenti diversi. Nessun problema neanche quando si esce e si è dimenticato il riscaldamento acceso: Smarther avvisa in modo da decidere quale temperatura lasciare.

Interessante la funzione Boost che scavalca la programmazione per creare un ambiente più caldo in poco tempo: 30, 60 o 90 minuti, dopodiché si disattiva per lasciare posto alle impostazioni precedenti.

L’applicazione consente di controllare contemporaneamente la temperatura di più case dove sia stato installato Smarther. Installando più di un cronotermostato nella stessa casa, si possono controllare in maniera differenziata i vari ambienti.

I pareri decisamente positivi degli utenti ci hanno spinto a inserire questo modello tra i migliori cronotermostati del 2018. Ecco una breve scheda riepilogativa.

 

Pro

Wi-Fi: Anche in questo caso parliamo di un cronotermostato Wi-Fi che può essere gestito da remoto per tornare a casa e trovarla sempre calda e confortevole.

Funzioni: La programmazione intelligente di Smarther consente di risparmiare sui consumi. Grazie alla geolocalizzazione, invia un messaggio all’utente che è fuori casa e magari ha dimenticato il riscaldamento acceso.

Boost: Boost è un’altra funzione che consente di creare un ambiente caldo in poco tempo. Si disattiva dopo 30, 60 o 90 minuti per ritornare alle impostazioni precedenti.

Multiutenza: Il cronotermostato è gestibile da dieci utenti in remoto. Installandone diversi a casa, si può avere una temperatura differenziata nei vari ambienti. È possibile controllare contemporaneamente anche il riscaldamento di più abitazioni.

 

Contro

App: L’app Thermostat segnala errori e problemi troppo frequenti.

Acquista su Amazon.it (€159)

 

 

 

Cronotermostato Perry

 

Perry Easy 1CR CR209/S

 

Il cronotermostato Perry 1CR CR209/S appartiene alla serie Easy ed è un modello che può essere installato sia a filo con la parete sia a semi-incasso, quindi estremamente adattabile a seconda delle esigenze.

Una volta fissato alla parete, può essere staccato dalla sua base per essere programmato con tutta comodità, anche stando seduti sul divano. Pure la manutenzione del dispositivo risulta facilitata da questa sua caratteristica. È alimentato da due normali batterie alcaline di tipo AA ed è dotato di un piccolo display LCD sul quale si possono visualizzare la temperatura e i parametri della programmazione, quest’ultima permette di impostare due diversi livelli di temperatura nella stessa giornata, e ovviamente è settimanale, come da standard per questo tipo di dispositivi.

Una delle caratteristiche che gli acquirenti del cronotermostato Perry hanno apprezzato di più, oltre alla sua facilità di utilizzo, è data dal prezzo economico e molto accessibile del dispositivo.

 

Pro

Facile da installare: Il cronotermostato Perry è predisposto sia per l’installazione a semi-incasso sia a filo con la parete, quindi è estremamente adattabile e facile da posizionare a seconda delle esigenze.

Analogico: Essendo un modello analogico risulta anche estremamente semplice da programmare, inoltre permette di impostare fino a due diverse temperature d’esercizio nell’arco di una singola giornata.

Blocco delle temperature: La funzione di blocco delle temperature risulta estremamente utile se il cronotermostato è installato in locali pubblici, come ristoranti, uffici e alberghi, oppure in seconde case, in modo da ridurre al minimo gli sprechi energetici.

 

Contro

Economico: Trattandosi di un modello low cost non offre nessuna delle funzionalità avanzate che caratterizzano i cronotermostati di fascia medio-alta.

Acquista su Amazon.it (€41,35)

 

 

 

Cronotermostato BPT

 

BPT TH/345 GR

 

Il BPT TH/345 è un cronotermostato digitale da incasso compatibile con le placche delle serie civili più comuni, grazie ai due adattatori forniti nella dotazione accessoria. Quest’ultima include anche un adattatore copriforo, il telaio, due viti e due cover intercambiabili.

Anche in questo caso è possibile rimuovere il corpo principale del cronotermostato dal suo alloggiamento, in modo da poterlo programmare in tutta comodità. È alimentato da tre batterie alcaline in formato AAA, le ministilo per intenderci, ed è dotato di un ampio display a cristalli liquidi non retroilluminato. La programmazione e l’impostazione dei diversi parametri è manuale, ma è molto facile da eseguire grazie ai controlli intuitivi.

Il TH/345 è un cronotermostato digitale di fascia media, come si può facilmente intuire dal prezzo, e gli acquirenti lo hanno apprezzato innanzitutto per la sua affidabilità, le ottime prestazioni, soprattutto per quanto riguarda l’efficienza e la durata di esercizio.

 

Pro

Elevata compatibilità: Grazie alla presenza di ulteriori adattatori nella dotazione di accessori, il cronotermostato BPT è compatibile con la quasi totalità delle placche civili attualmente usate.

Duraturo: Alcuni acquirenti hanno testimoniato l’elevata durata di questo cronotermostato, che può funzionare senza problemi per decadi. Chi ha dovuto sostituirlo, spesso anche dopo più di quindici anni, è stato costretto da cause esterne.

Semplice da usare: A un primo impatto potrebbe apparire complicato da gestire, in realtà è abbastanza semplice e offre un’ampia gamma di regolazioni. I livelli di temperatura programmabili in una giornata sono addirittura tre.

 

Contro

Pulsantiera: L’unica pecca sembra la pulsantiera con i tasti in gomma che, se vengono sottoposti a uso intensivo, tendono a consumarsi più in fretta del dovuto.

Acquista su Amazon.it (€102,9)

 

 

 

Cronotermostato Fantini Cosmi

 

Fantini Cosmi Intellitherm C31

 

Ecco un altro termostato di grande successo: si tratta del Fantini Cosmi C31, il più economico della nostra classifica.

Le funzioni presenti sono poche e intuitive: Comfort permette di avere più caldo in certe ore del giorno mantenendo costante la temperatura, Economy permette di impostare una temperatura inferiore, Jolly consente di modificare i parametri impostati per un certo periodo. C’è anche la funzione antigelo.

Il display non è touch – ci sono i cursori protetti da un coperchietto – e avvisa quando le batterie stanno per esaurirsi: al cambio delle batterie i parametri impostati non vengono persi.

Anche qui sono presenti fasce orarie tra cui scegliere e l’impostazione per i giorni infrasettimanali e per il fine settimana.

Un breve riepilogo delle caratteristiche di un prodotto made in Italy, il Fantini Cosmi Intellitherm C31.

 

Pro

Prezzi bassi: Si tratta di un modello molto economico, l’ideale per chi vuole spendere il meno possibile.

Facile da programmare: Non avendo funzioni complesse, il cronotermostato Fantini Cosmi si rivela facile da programmare e gestire.

 

Contro

Wi-Fi: Mancano diverse funzioni rispetto ai modelli più completi, per esempio la possibilità di controllarlo da remoto.

Cursori: Diversi utenti si sono lamentati della scomodità nel muovere i cursori.

Acquista su Amazon.it (€36,35)

 

 

 

Cronotermostato GSM

 

Vemer Mithos VE385100

 

Il Mithos VE385100, prodotto dalla ditta italiana Vemer, è un cronotermostato GSM, integra cioè il relativo modulo che gli consente di essere controllato da remoto tramite lo smartphone. Ovviamente è un modello da installare a parete ma, a differenza di quelli esaminati in precedenza, non è estraibile dal suo alloggiamento ed è alimentato da rete elettrica. Può essere programmato sia per il controllo del riscaldamento sia del condizionamento, con un intervallo di temperatura che va dai 2 ai 50 gradi.

Esteticamente è ben curato e non stona con l’arredo, grazie allo sportellino che nasconde la tastiera, quest’ultima possiede anche una funzione di blocco con password che impedisce alle persone non autorizzate di modificare i parametri della programmazione, cosa che risulta particolarmente utile se il dispositivo viene installato in luoghi pubblici. Dispone anche di un ingresso digitale per il collegamento di un dispositivo esterno per il monitoraggio di eventuali situazioni d’allarme.

 

Pro

GSM: Uno dei principali vantaggi di questo cronotermostato è dato proprio dal modulo GSM integrato, che gli permette quindi di essere controllato tramite smartphone. Sul dispositivo è possibile anche memorizzare i numeri di telefono autorizzati al controllo.

Sicuro: Oltre alla memoria dei telefoni autorizzati, possiede anche la funzione di blocco della tastiera con relativa password. Questa funzione è utile soprattutto quando il cronotermostato viene installato in locali pubblici, come alberghi e ristoranti.

Ingresso digitale: L’ingresso digitale consente il collegamento di una sonda esterna, atta al monitoraggio dell’impianto e al rilevamento di situazioni potenzialmente pericolose.

 

Contro

Prezzo: Il suo costo è abbastanza alto, soprattutto se messo a confronto con il cronotermostato Perry esaminato in precedenza.

Acquista su Amazon.it (€187,12)

 

 

 

Guida per comprare un cronotermostato

 

L’importanza del cronotermostato nella gestione dei consumi energetici

Il cronotermostato è un dispositivo utilizzato per regolare la temperatura negli ambienti, e viene impiegato sia in ambito domestico, all’interno di appartamenti e abitazioni private, sia professionale e lavorativo, in uffici, ospedali, alberghi, ristoranti e altre attività. Il suo scopo, quindi, è quello di pilotare il funzionamento degli impianti di riscaldamento, a prescindere dal tipo di generatore di calore utilizzato, e degli impianti di climatizzazione, permettendo loro di funzionare in base a una programmazione predefinita dall’utente stesso, sulla base delle proprie necessità.

L’uso del cronotermostato offre notevoli vantaggi nella gestione degli impianti, soprattutto a livello domestico, perché in tal modo è possibile usare il riscaldamento soltanto nelle zone e nei momenti di reale bisogno. Installando un cronotermostato in ogni stanza dell’abitazione, inoltre, si può avere un controllo ancora maggiore e una maggiore efficienza nella riduzione degli sprechi e, di conseguenza, dei consumi energetici.

Il mercato offre una vasta gamma di scelta per quanto concerne questi dispositivi, con prezzi che possono variare dai 20-30 euro fino ai 400-500 euro e oltre, a seconda del modello scelto e delle sue caratteristiche. Anche se la funzionalità primaria di regolazione della temperatura è comune a tutti i modelli, infatti, ognuno possiede le sue particolari caratteristiche e ulteriori funzionalità a seconda del tipo e della fascia economica di appartenenza.

I cronotermostati economici

Per scegliere un dispositivo che possa contribuire alla riduzione dei consumi senza sacrificare nulla, o quasi, del livello di comfort preteso dal proprio impianto, basta avere ben chiare le proprie esigenze al fine di capire quali requisiti specifici deve possedere il cronotermostato che si desidera installare.

I dispositivi di fascia economica, per esempio, sono ugualmente efficaci ma molto essenziali, sia dal punto di vista estetico sia per quanto riguarda le funzionalità offerte. La maggior parte dei prodotti di questo tipo sono analogici. Pur possedendo i display LCD e l’elettronica necessaria all’impostazione delle temperature e alla programmazione settimanale, infatti, i modelli di fascia economica raramente offrono funzionalità aggiuntive e anche i livelli di temperatura che si possono impostare per la singola giornata sono ridotti a due al massimo.

Nella fascia economica, ovviamente, è possibile trovare anche cronotermostati digitali, che però differiscono da quelli analogici quasi esclusivamente per l’interfaccia di controllo, che invece di essere dotata di manopole ha una piccola pulsantiera, ma sono del tutto analoghi per quanto concerne le funzionalità offerte.

 

I dispositivi di fascia medio-alta

Nel segmento di mercato medio-alto, invece, cominciamo a trovare cronotermostati decisamente più curati e prestanti, sia da un punto di vista meramente estetico sia tecnologico.

Spendendo qualcosa in più, infatti, è possibile acquistare dispositivi che, innanzitutto, offrono un maggior numero di impostazioni giornaliere per la temperatura, tre e anche oltre a seconda del modello. Questo permette una programmazione di gran lunga più articolata, con la conseguenza di un maggior controllo sull’utilizzo dell’impianto e una maggiore riduzione degli eventuali sprechi energetici.

Un’altra caratteristica di questi modelli è quella di poter essere controllati da remoto, mediante appositi telecomandi per esempio, oppure tramite smartphone grazie al modulo GSM o alla tecnologia Wi-Fi incorporata; determinati modelli, inoltre, integrano un’unità ricevente a onde radio che può fare tranquillamente a meno dell’alimentazione elettrica, necessaria invece per i dispositivi digitali.

I cronotermostati Smart

Una menzione a parte meritano i cronotermostati Smart, che rappresentano attualmente il top dell’evoluzione tecnologica di questi dispositivi, progettati per inserirsi in un contesto basato sulla domotica.

Un prodotto di questo tipo, a parte la normale programmazione su base oraria della termoregolazione, sia giornaliera sia settimanale, è dotato di uno speciale processore capace di analizzare l’utilizzo dell’impianto sul lungo periodo e generare il diagramma della curva di riscaldamento per la specifica abitazione in cui viene installato.

Basandosi sul diagramma ottenuto, quindi, è in grado letteralmente di imparare le abitudini di utilizzo dell’impianto e di ottimizzarle in modo da massimizzare la resa, sia per quanto riguarda il comfort abitativo sia in termini di consumo energetico. Grazie alla connessione alla rete internet, inoltre, i cronotermostati Smart sono in grado di ricevere informazioni relative alle condizioni meteo e alla geolocalizzazione degli abitanti della casa, e di variare in tempo reale la programmazione in base alle situazioni contingenti.

 

 

 

Domande frequenti

 

Come montare un cronotermostato?

Per montare un cronotermostato bisogna fissarlo alla parete tramite l’apposita placca fornita in dotazione con il dispositivo. È preferibile usare dei tasselli per il fissaggio, dopo aver praticato gli appositi fori con un trapano, in modo da garantire una salda tenuta.

 

Come collegare un cronotermostato?

Il collegamento del cronotermostato all’impianto, invece, può variare a seconda del tipo di dispositivo e delle funzionalità offerte, in ogni caso è consigliabile incaricare un elettricista esperto in questo tipo di installazioni.

 

Come funziona un cronotermostato?

Il cronotermostato permette di regolare la temperatura all’interno dell’abitazione, o del locale per il quale è stato installato. Il controllo può essere analogico oppure digitale, alcuni modelli sono programmabili per tutto l’arco della settimana, altri ancora invece, possono essere controllati da remoto tramite lo smartphone o il tablet.

 

Come installare un cronotermostato?

L’installazione del cronotermostato non è una procedura standard, e può variare a seconda del modello scelto. In ogni caso si tratta di un lavoro che è meglio lasciar eseguire a un tecnico specializzato.

 

Come sostituire un cronotermostato?

Per la sostituzione valgono le stesse raccomandazioni fatte per l’installazione. Se non siete pratici di schemi elettrici di impianti, infatti, potreste collegare i fili in modo sbagliato e danneggiare l’impianto.

 

Come programmare un cronotermostato?

Per programmare un cronotermostato è bene avvalersi delle relative istruzioni d’uso fornite dalla ditta produttrice. Ogni modello in commercio, infatti, ha la sua interfaccia e il suo specifico pannello comandi.

 

Quanto costa un cronotermostato?

A seconda del modello scelto, il prezzo di un cronotermostato può oscillare dai 20 ai 400 euro. Un buon modello digitale, dotato di programmazione settimanale e modulo GSM per il controllo remoto, può aggirarsi tra i 100 e i 200 euro circa.

 

Come collegare un cronotermostato 2 fili?

Anche in questo caso il consiglio è quello di rivolgersi a un tecnico specializzato oppure a un elettricista, in modo da non correre rischi e causare malfunzionamenti all’intero impianto di riscaldamento.

 

Cronotermostato Wi-Fi, come funziona?

I modelli a controllo remoto, solitamente, integrano un modulo GSM che permette di ricevere i segnali telefonici da uno smartphone, e quindi di poter essere controllato da remoto tramite app; alcuni modelli sono predisposti per il collegamento a una smartbox, questo particolare dispositivo può infatti funzionare da hub per diversi cronotermostati installati nella stessa abitazione.

 

Cronotermostato Perry, come funziona?

I cronotermostati Perry sono disponibili sia con tecnologia analogica sia digitale, a seconda delle preferenze dell’acquirente e del budget di spesa. Il loro funzionamento è in tutto e per tutto analogo a quello dei modelli prodotti da altre ditte ovviamente, in definitiva la finalità dell’apparecchio è quella di regolare la temperatura, a prescindere dal brand e dal tipo di modello.

 

Cronotermostato GBC, come funziona?

La maggior parte dei cronotermostati GBC risultano estremamente facili da usare, dal momento che utilizzano dei display del tipo touchscreen. Sono infatti preferiti soprattutto da coloro che hanno una buona dimestichezza con questo tipo di tecnologia.

 

Cronotermostato Milux, come funziona?

La particolarità dei cronotermostati Milux è quella di poter essere gestiti da remoto tramite un ricevitore a onde radio incorporato nel dispositivo. In questo modo non c’è bisogno di collegare il cronotermostato alla rete elettrica.

 

 

 

Come usare un cronotermostato

 

L’uso del cronotermostato risulta di grande aiuto nell’ottimizzare l’impiego degli impianti domestici, in particolar modo la caldaia per il riscaldamento e i climatizzatori.

Se ne avete già acquistato uno e siete in procinto di installarlo da soli, ricordate innanzitutto di spegnere la caldaia, o l’impianto a cui dovrete collegarlo. Una volta fatto ciò dovrete assicurarvi di collegare i fili in maniera corretta, e a questo scopo potrebbe aiutarvi l’etichettatura dei vari cavi in modo da poterli distinguere con maggiore facilità.

 

 

Alcuni modelli, soprattutto quelli digitali, possono risultare alquanto difficili da installare a causa dei numerosi collegamenti da effettuare. In ogni caso, a prescindere dalla semplicità o difficoltà di installazione, è consigliabile sempre rivolgersi a un professionista per questo tipo di lavori, in modo da evitare rischi.

Una volta collegato e alimentato il dispositivo, potrete riaccendere l’impianto e procedere all’impostazione dei parametri sugli orari di accensione e spegnimento e sulla temperatura desiderata.

I vari cronotermostati attualmente disponibili sul mercato hanno più o meno tutti le stesse funzioni, ma ognuno ha le sue particolari procedure per quanto riguarda l’uso e la programmazione. È quindi importante leggere con attenzione le istruzioni che accompagnano il dispositivo, in modo da controllare la presenza di eventuali funzioni speciali, ed eseguire diverse programmazioni di “prova”, fino a quando non avrete familiarizzato bene con il dispositivo e le sue particolari procedure di utilizzo.

La programmazione andrà pianificata in base alle esigenze personali e ai ritmi quotidiani. È bene prendere nota, per esempio, del tempo che si passa fuori casa nell’arco della settimana, soprattutto per motivi di lavoro. In questo modo sarà possibile programmare il cronotermostato in modo tale da accendere l’impianto solo quando siete in casa.

Una volta individuate le fasce orarie di interesse, potrete programmare il cronotermostato cominciando con l’inserire la data e l’ora corrente, dopodiché procederete con l’inserimento degli orari di accensione e di spegnimento desiderati, per ogni giorno della settimana e con le dovute variazioni del caso per il sabato, la domenica e per i giorni in cui, generalmente, siete certi di rimanere a casa.

La programmazione dovrà includere ovviamente gli orari di sveglia mattutina, magari con un leggero anticipo in modo da trovare l’ambiente già abbastanza caldo al proprio risveglio, e gli orari in cui si va a dormire, senza dimenticare il valore di temperatura che si desidera mantenere durante la notte.

 

 

Quasi tutti i cronotermostati in commercio, infatti, offrono l’opportunità di poter impostare almeno due diverse temperature per ogni singolo giorno, i modelli di fascia più elevata permettono di impostarne addirittura fino a tre e oltre. Utilizzando più cronotermostati nella stessa abitazione, inoltre, è possibile separare la gestione del calore nelle varie stanze.

In questo modo è possibile, per esempio, fare sì che la zona notte sia tenuta a una temperatura più bassa durante il giorno, quando non è usata, e venga riscaldata soltanto nelle ore serali. Così facendo è possibile ottimizzare al meglio l’uso dell’impianto di riscaldamento o di climatizzazione domestica, riducendo drasticamente gli sprechi e i consumi energetici.

 

 

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (3 voti, media: 5.00 su 5)
Loading...