I 7 Migliori Climatizzatori Senza Unità Esterna

Ultimo aggiornamento: 18.05.24

 

Climatizzatori senza unità esterna – Guida all’acquisto e Confronti

 

Il climatizzatore è diventato un apparecchio essenziale, se non addirittura indispensabile. È innegabile che se tutti avessero la possibilità, lo installerebbero in casa, e forse anche più di uno. La motivazione primaria all’acquisto di un climatizzatore risiede nella necessità di mantenere un ambiente fresco durante l’estate, specialmente considerando l’incessante aumento delle temperature.

Sempre più persone sono alla ricerca di climatizzatori senza unità esterna, pertanto riteniamo opportuno approfondire l’argomento e presentarvi due modelli particolarmente interessanti. Il primo è l’Olimpia Splendid Unico Air Inverter da 2,3 Kw, in grado di rinfrescare rapidamente l’ambiente e, all’occorrenza, di fornire anche riscaldamento. La stessa azienda offre anche il modello Olimpia Splendid 01503 Unico Air 8SF, caratterizzato da una capacità in raffreddamento di 1.8 Kw e in riscaldamento di 1.7 Kw.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

I 7 Migliori Climatizzatori Senza Unità Esterna – Classifica 2024

 

Qui per voi abbiamo sette climatizzatori ordinati secondo una classifica e accompagnati da una dettagliata recensione che abbiamo scritto con il prezioso supporto dei pareri di consumatori come voi che hanno condiviso la loro esperienza d’acquisto in rete.

Volete sapere dove acquistare a prezzi bassi i climatizzatori venduti online selezionati? Vi basta cliccare sul link di riferimento ma per essere certi che non ci sia qualcosa di più economico, confrontate i prezzi. Se invece volete valutare anche un modello tradizionale, cliccate sulla pagina con le recensioni dei migliori condizionatori del 2024.

 

1. Olimpia Splendid 01802 Climatizzatore Fisso Unico Air Invertet 2,3 Kw 

 

Unico Smart è un condizionatore senza unità esterna che ha regalato ai possessori piacevoli momenti di fresco vista la sua capacità di far abbassare la temperatura. Il modello che prendiamo in esame è quello da 2,3 Kw, ma sono disponibili anche altre versioni più o meno potenti, inoltre è caldo freddo ma, per chi lo desidera, c’è anche il climatizzatore solo freddo. 

Dobbiamo dire che se è vero che Unico rinfresca egregiamente, non si può dire lo stesso quando si tratta di far alzare la temperatura. Vediamo un attimo le funzioni che sono quelle di sola ventilazione, sola deumidificazione, auto (che modula i vari parametri tenuto conto della temperatura) e sleep che, se attivata, comporta un aumento graduale della temperatura impostata per un migliore benessere notturno.

Interessante il sistema di multi-filtraggio che si compone di un filtro elettrostatico e uno ai carboni attivi. Grazie a questa particolare combinazione dall’aria vengono eliminate le particelle di polvere, fumo e anche i peli e i cattivi odori. 

È un po’ rumoroso, inoltre delude l’assenza della retroilluminazione del display del telecomando, che rende impossibile usarlo al buio. I consumi non sono bassissimi e il Wi-Fi è opzionale. Prezzo alto.

 

Pro

Rinfresca efficacemente: Per far fronte al caldo torrido il climatizzatore Olimpia è sicuramente un’arma vincente: rinfresca velocemente anche ambienti grandi.

Sistema multi-filtraggio: È dotato di ben due filtri, uno elettrostatico e l’altro ai carboni attivi: addio a particelle di polvere o altro ma anche ai cattivi odori.

 

Contro

Telecomando: Gestire il climatizzatore al buio è complicato visto che il display del telecomando non è retroilluminato e che sulla macchina è assente.

A parte: Il Wi-Fi è optional e considerato il prezzo abbastanza alto del condizionatore ci saremmo aspettati di trovarlo di serie.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

2. Olimpia Splendid 01503 Unico Air 8SF

 

È un climatizzatore non molto ingombrante (spessore di soli 16 centimetri) ed essendo privo di unità esterna può essere installato anche dove altrimenti non si potrebbe, pensiamo a quei centri storici dove neanche il bucato si può stendere fuori. L’installazione è molto semplice se si sa usare un trapano e una carotatrice: basta sistemare la dima sulla parete prescelta e si hanno tutti i riferimenti necessari ad eseguire i fori, poi c’è solo da inserire la spina nella presa.

Molto efficace è il sistema di multi-filtraggio con due filtri, uno elettrostatico e l’altro ai carboni attivi così potrete addio a particelle di polvere che infestano l’aria ma anche ai cattivi odori. Precisiamo che questo modello è pensato sia per rinfrescare (con una potenza di 1.8 Kw) sia per riscaldare (1.7 Kw).

Al contempo segnaliamo che il modulo Wi-Fi è optional, perciò se lo ritenete importante dovrete mettere in preventivo una spesa extra. Non pochi utenti si sono lamentati del livello di rumore, sebbene la casa costruttrice dichiari che, grazie all’utilizzo di materiali fonoassorbenti e antivibranti, Unico Air garantisca una pressione sonora ridotta a soli 27 dB.

 

Pro

Design: Questo modello risolve il problema di chi ha bisogno di un climatizzatore sottile, il suo design slim e lo spessore di 16 centimetri siamo certi che non vi deluderanno.

Montaggio: Installare il climatizzatore Unico Air è molto semplice: una dima permette di eseguire i fori con precisione e poi c’è solo da inserire la spina nella presa.

Caldo/Freddo: Può essere utilizzato sia per rinfrescare in estate sia per riscaldare in inverno.

 

Contro

Rumoroso: Sebbene nel descrivere il climatizzatore il produttore esalti la sua silenziosità, ci sono state un bel po’ di lamentele che affermano il contrario

Wi-Fi: Considerato che il climatizzatore non costa poco, ai clienti avrebbe fatto sicuramente piacere che il modulo wireless fosse integrato, invece va acquistato a parte.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

3. Argo Apollo 12 HP Condizionatore Senza Unità Esterna

 

Non sempre è possibile usufruire di un climatizzatore, perché lo spazio e la possibilità di montare un motore esterno non ce l’hanno tutti: Argo è un’azienda conosciuta in tutto il mondo per la qualità dei suoi dispositivi, e propone il modello Apollo, interessante sotto diversi aspetti. In primo luogo, vanta una struttura compatta, con un peso che non supera 37 kg e per questo è semplice da montare in una stanza o in ufficio anche da chi non è avvezzo a questo genere di operazioni.

In secondo luogo, offre diverse funzioni efficienti, da quella raffreddante alla modalità deumidificante: tutto è misurato in modo tale da garantire risultati soddisfacenti e un bel clima fresco durante l’estate.

Tuttavia, non è possibile estrarre il serbatoio per pulirlo e le alette interne sono molto fragili: durante la manutenzione dovrete prestare maggiore attenzione, scegliendo anche acqua filtrata dal calcare. Ma prima di dare un’occhiata più approfondita facendo clic sul link qui sotto, facciamo un riassunto dei punti di forza e di debolezza del modello Apollo.

 

Pro

Funzioni: Facendo una comparazione con altri modelli simili, questo articolo firmato Argo e appartenente alla linea Apollo vanta diverse caratteristiche efficienti che lo rendono adatto per diversi momenti della giornata, garantendo una stanza dal clima fresco e con una bassa percentuale di umidità.

Peso: Questo condizionatore senza motore esterno è un articolo costruito con materiali di buona qualità: vanta anche una struttura robusta e compatta che vi permette di trasportarla comodamente anche a mano.

Facilità di utilizzo: Se siete dei principianti o proprio non avete idea su dove mettere le mani per montare questo dispositivo non preoccupatevi, perché Argo offre un pratico manuale che vi farà risparmiare i soldi della chiamata del professionista.

 

Contro

Pulizia: Quando dovete effettuare una piccola o grande manutenzione, oppure quando semplicemente avete intenzione di togliere lo sporco anche all’interno del dispositivo, dovete fare attenzione alle alette e al serbatoio.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

4. Climatizzatore Oslo 4.2 Senza Unità Esterna

 

I nostri lettori potrebbero ritenere interessante la proposta di Fintek, azienda con sede a San Marino di lunga esperienza e presente con i suoi prodotti dal 1995. Diciamo ciò per far capire che non parliamo degli ultimi arrivati, anche se il marchio non è molto reclamizzato. Ciò, tuttavia, non significa che i suoi prodotti non siano buoni, anzi. 

Per esempio il condizionatore senza unità esterna Oslo che vi proponiamo rinfresca e riscalda bene l’ambiente dove è installato. Parlando di numeri, vanta una potenza refrigerante di 12.000 BTU e una riscaldante di 14.000 BTU

Siamo molto soddisfatti per la qualità dei materiali sui quali l’azienda evidentemente ha puntato molto. Inoltre ha uno spessore di soli 24 cm, il che lo rende esteticamente accattivante e non molto ingombrante. La classe energetica – sin in fase di raffreddamento sia di riscaldamento – è A quindi i consumi sono sì bassi ma non quanto potrebbero esserlo se parlassimo di una efficienza energetica A+++. Il livello di rumorosità è basso.

 

Pro

Capacità rinfrescante: Se è il fresco che volete con il condizionatore Oslo è il fresco che avrete. Non meno efficace è la capacità di riscaldare l’ambiente.

Materiali: L’azienda ha puntato molto sui materiali e il risultato è un condizionatore di buona qualità dal punto di vista costruttivo nonché poco ingombrante, grazie allo spessore di soli 24 centimetri.

 

Contro

Prezzo: Si paga l’estetica, si paga la potenza e la capacità di rilasciare sia freddo sia caldo. Detto questo l’esborso da sostenere non è di poco conto.

Consumi: Il dispositivo ha una classe di efficienza energetica A, questa assicura consumi bassi ma non quanto farebbe un elettrodomestico con efficienza superiore.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

5. Innova climatizzatore senza unità esterna 2.0 10HP

 

Innova propone un climatizzatore molto compatto e sottile. Duplice possibilità di installazione quindi potete deciderlo si sistemarlo in alto oppure in basso. Come sapete un climatizzatore senza unità esterna come questo richiede di carotare la parete su cui poggia ma se questo non dovesse essere possibile? Il problema non c’è perché Innova mette a disposizione un kit per installazione con uscita laterale. Una volta incassato il kit al muro l’aria è deviata lateralmente.

La potenza è ottimizzata quindi si ha il massimo comfort con il minor consumo energetico e rumore possibile, a proposito il climatizzatore ha la classe energetica A+ quando raffredda e A quando riscalda. Per la gestione del climatizzatore al telecomando e al pannello di comando a bordo macchina si accompagna una comoda app. 

Il pannello di comando è ampio e dotato di display touchscreen. Da segnalare l’ottima qualità dei materiali, qui non c’è plastica ma solido e robusto metallo. Unica nota dolente è il prezzo.

 

Pro

Materiali: Che sia un climatizzatore di grande qualità lo si capisce dai materiali: al posto della plastica c’è solido e duraturo metallo.

Installazione: Massima flessibilità, oltre a poter sistemare il climatizzatore in alto o in basso è anche possibile deviare l’aria latelarmnte.

Comfort: La gestione del climatizzatore è molto comoda e può avvenire via telecomando, tramite pannello di controllo con touchscreen oppure servendosi dell’app dedicata.

 

Contro

Prezzo: Un climatizzatore del genere, costruito in metallo, non può essere economico. Il prezzo è l’unico aspetto svantaggioso da segnalare.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

6. Climatizzatore Unico Pro Inverter 14 HP Wi-Fi caldo freddo senza unità esterna

 

Il climatizzatore Unico Pro Inverter 14 HP è da ritenersi a tutti gli effetti un top gamma, quindi lo diciamo subito, non aspettatevi di pagarlo poco, anzi di soldi ve ne serviranno un bel po’ se vorrete portarlo a casa. 

È il climatizzatore più potente che Olimpia possa offrire, la sua capacità di raffreddamento si spinge fino a 3,5 Kw mentre quella di riscaldamento arriva fino a 3,15 Kw. Al design ha collaborato lo studio Matteo Thun & Antonio Rodriguez: il risultato è un elettrodomestico raffinato agli occhi di chi lo guarda. 

L’aria è distribuita con la massima omogeneità grazie all’ampio flop. Comoda la gestione grazie al telecomando e al display retroilluminato con controlli touch posto a bordo macchina. Un altro dei punti di forza è la silenziosità, in silent mode la potenza sonora è meno 10 dB(A).

 

Pro

Potente: Il climatizzatore in oggetto è quanto di più potente Olimpia abbia da offrire: il raffreddamento arriva fino a 3,5 Kw mentre il riscaldamento si spinge sui 3,15 Kw.

Design: C’è stato un grande lavoro dietro la concezione del design e il risultato ottenuto dal prestigioso studio Matteo Thun & Antonio Rodriguez è degno di nota.

Ampio flop: L’aria è ottimamente distribuita in tutto l’ambiente grazie all’ampio flop: avrete aria fresca in qualsiasi punto della stanza.

 

Contro

Costo: C’è un solo aspetto svantaggioso che abbiamo rilevato per questo modello ed è il prezzo: è uno dei condizionatori più cari del mercato.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

7. Olimpia Splendid Unico Edge 30HP

 

Questo climatizzatore firmato Olimpia Splendid non delude in termini di prestazioni. Offre una super potenza refrigerante e raggiunge elevate classi di efficienza, arrivando fino alla A+. Ciò significa che non solo raffredda rapidamente l’ambiente ma lo fa in modo efficiente, contribuendo a ridurre i consumi energetici e i costi a lungo termine.

L’Unico Edge 30 HP non brilla solo per le sue capacità tecniche ma anche per il suo design sofisticato. Progettato dallo studio italiano Ercoli+Garlandini, questo apparecchio sfoggia linee morbide e un gusto retrò che si sposa perfettamente con gli interni di qualsiasi casa. La sua texture aggiunge una forte personalità al suo aspetto complessivo.

L’apparecchio è dotato di un motore inverter di nuova generazione che offre un ampio range di frequenze, garantendo una regolazione precisa della temperatura. I ventilatori DC inverter e la gestione elettronica della valvola di espansione contribuiscono a mantenere un clima costante e confortevole. La capacità nominale di raffreddamento si attesta su 2,7 kW, quella di riscaldamento su 2,4 kW.

Un altro punto di forza di questo climatizzatore è il telecomando “full digital” che permette di attivare funzioni avanzate da remoto, come la deumidificazione, la modalità silenziosa, il timer o la semplice ventilazione.

 

Pro

Capacità refrigerante: State certi che una volta entrato in azione il climatizzatore rinfrescherà adeguatamente e velocemente l’ambiente.

Design: La componente estetica, frutto della progettazione di un noto studio italiano, è uno dei punti di forza del modello Unico Edge.

Potenza: La capacità nominale di raffreddamento si attesta su 2,7 kW, quella di riscaldamento su 2,4 kW.

 

Contro

Prezzo: Per mettere le mani su questo climatizzatore senza unità esterna è necessaria una spesa non alla portata di tutte le tasche.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Guida per comprare un climatizzatore senza unità esterna

 

Decidere quale climatizzatore senza unità esterna comprare non è semplice perché le offerte disponibili sul mercato sono tante e tra queste figurano non solo quelle della migliore marca ma di tantissimi produttori. Tenendo conto delle tante proposte abbiamo fatto una comparazione tra queste al fine di ridurre il loro numero a sette e che a nostro avviso rappresentano i migliori climatizzatori senza unità esterna del 2024. 

Ad ogni modo è nostra premura darvi le informazioni necessarie a capire come scegliere un buon climatizzatore senza unità esterna in totale autonomia, pertanto vi consigliamo di continuare con la lettura.

I BTU devono essere sufficienti

Decidere di comprare il miglior climatizzatore senza unità esterna è solo il primo passo. In realtà ci sono alcuni fattori importanti da considerare onde evitare un acquisto insoddisfacente. Quando si parla di climatizzatori inevitabilmente si deve parlare anche di BTU o, se non vi piacciono le abbreviazioni, di British Thermal Unit. 

Di cosa si tratta? Di un’unità di misura per l’energia. Volendola fare semplice il BTU ci mette a conoscenza della capacità del condizionatore a rinfrescare o riscaldare l’ambiente. Qui arriviamo a quello che è il nocciolo della questione, la domanda cui rispondere: di quanti BTU deve essere un climatizzatore per non patire il caldo in camera da letto, in soggiorno o in qualsiasi altro ambiente della casa? 

Per conoscere il valore dei BTU necessari a far abbassare la temperatura di un ambiente si fa ricorso a una formula ma vogliamo mettere un attimino le mani avanti. La formula che vi illustreremo tra un attimo non tiene conto di fattori che comunque incidono pertanto il risultato che otterrete sarà comunque approssimativo. Quali sono questi fattori? Esposizione al sole, casa coibentata oppure no, altezza della stanza e numero degli occupanti. 

Ma passiamo alla formula mq x x= BTU. Come potete immaginare mq sono i metri quadrati, k invece è una costante con valore di 340. Ora per far fronte ai fattori esclusi da questo calcolo di cui vi abbiamo parlato poco fa, suggeriamo di aggiungere al valore BTU ottenuto un 20% se non addirittura 30% in più.

 

Attenzione alla bolletta

Molto spesso la necessità di sfuggire al caldo fa dimenticare che poi arriva la bolletta dell’energia elettrica. Dopo un paio di mesi di uso massiccio del climatizzatore arriva la brutta sorpresa. Già, i consumi, ve ne eravate dimenticati. Probabilmente il problema non è dovuto alla quantità di ore che avete usato il climatizzatore bensì la sua classe energetica. 

Quando comprate un elettrodomestico del genere dovete preferire quelli con la migliore efficienza energetica. Se comprate un climatizzatore A+++ la bolletta sarà più leggera. È vero, al momento dell’acquisto spendete qualcosa in più ma conviene lo stesso.

Con il Wi-Fi è meglio

Un climatizzatore dotato di Wi-Fi ha delle potenzialità da non sottovalutare, non a caso questi modelli sono tra i più venduti. Un climatizzatore con Wi-Fi può essere gestito da remoto con lo smartphone e si possono sfruttare le potenzialità dell’app dedicata come monitorare i consumi e altre funzioni interessanti che aiutano anche a risparmiare in bolletta Fate attenzione quando comprate il nuovo climatizzatore perché alcuni danno solo la possibilità di aggiungere il modulo (quindi da comprare a parte) mentre altri ne sono già provvisti.

 

 

 

Domande frequenti

 

Come funziona il climatizzatore senza unità esterna?

Il funzionamento di un climatizzatore senza unità esterna non è dissimile da quello a doppia unità. La differenza è da ricercare nel compressore che nel caso del climatizzatore privo di unità esterna è integrato. Attraverso i fori praticati nel muro viene prelevata l’aria dall’esterno e raffreddata con l gas refrigerante prima di essere immessa all’interno.

 

Come si installa un climatizzatore senza unità esterna?

L’installazione è molto semplice, basta essere capaci a carotare il muro. Nella confezione è sempre presente una dima che è indispensabile per eseguire i fori alla corretta distanza e che va posizionata sul muro, quindi con una livella si correggono eventuali inclinazioni. Fatto ciò si fissa la dima con del nastro adesivo. Si contrassegnano i punti dove eseguire i fori quindi si può togliere la dima e si passa al carotaggio delle pareti ed ai fori per il fissaggio. Fissate la staffa di sostegno e agganciate il climatizzatore. L’operazione successiva è il fissaggio delle griglie esterne.

 

È vero che i climatizzatori senza unità esterna sono più rumorosi?

Sì, è vero. Il maggior rumore è dovuto al compressore che inevitabilmente si trova all’interno della stanza. Per tale ragione si sconsiglia l’installazione nella zona notte.

 

Come si smaltisce la condensa di un climatizzatore senza unità esterna?

Ci sono due casi. Il primo quello del climatizzatore solo freddo dove la condensa è prima vaporizzata e poi espulsa all’esterno da uno dei due fori praticati per l’installazione. Il secondo caso è quello del climatizzatore con pompa di calore che quando opera in modalità caldo, espelle la condensa da un tubo di scarico.

 

In quale punto della stanza è meglio installare il climatizzatore senza unità esterna?

Indubbiamente il posto migliore è sotto una finestra poiché lo spessore del muro è ridotto e si ha la certezza che in quel punto non ci sono tubi che potrebbero essere danneggiati durante la carotatura.

 

 

 

Come utilizzare il climatizzatore senza unità esterna

 

Il caldo è insopportabile ma non vi è permesso installare un condizionatore per non deturpare la facciata del vostro stabile? Regolamenti condominiali e divieti comunali vi condannano a un bagno di sudore… a meno che non installiate un climatizzatore privo di unità esterna. Vediamo come usare al meno il vostro climatizzatore.

Consumi

La prima cosa di cui dovreste preoccuparvi sono i consumi. Un uso sbagliato del climatizzatore si ripercuote negativamente sulla bolletta. Bisogna evitare l’errore a monte ovvero scegliere un climatizzatore con efficienza energetica massima. I migliori per efficienza sono quelli classificati A+++.  importante poi che il freddo generato non si disperda. Porte e finestre devono stare chiuse alle quali si possono applicare anche dei paraspifferi per evitare all’aria calda di entrare e quella fredda di uscire.

 

Pulire i filtri

È importante tenere pulito il filtro del climatizzatore. La pulizia va fatta anche ogni 14 giorni se si usa parecchio l’aria condizionata. Per liberare il filtro dallo sporco dovete estrarlo dal climatizzatore quindi con un aspirapolvere rimuovere per bene la polvere. Se il filtro non è fatto con materiale deperibile, sensibile all’acqua, potete lavarlo senza usare sapone o altri prodotti. In questo caso il filtro va fatto asciugare facendo attenzione a evitare la luce diretta del sole. Tenete presente che filtri a carboni attivi ed elettrostatici non possono essere puliti, quando hanno esaurito la loro funzione devono essere sostituiti.

 

L’impostazione della temperatura

La tentazione di impostare la temperatura sul livello più basso possibile è forte quando il caldo è tanto e magari può anche andar bene per dare modo al climatizzatore di raffreddare rapidamente l’ambiente ma in definitiva la differenza tra temperatura interna ed esterna dovrebbe essere compresa tra i 4 e i 6 gradi.

Sfruttate le correnti d’aria

Quando possibile, invece di usare il climatizzatore sfruttate le correnti d’aria, a volte basta aprire un paio di finestre per godere di un fresco naturale senza impatto sull’ambiente e gratis visto che non si consuma energia elettrica.

 

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

10 COMMENTI

Alessandro De Rosa

August 13, 2021 at 2:32 pm

Buongiorno. Vorrei installare un climatizzatore nelle due stanze da letto che più o meno sono rispettivamente circa 16/18 mq la prima e 12/14 la seconda. Sapreste dirmi da quanto dovrebbero essere i fori verso l’esterno, se sono assolutamente necessari o esistono modelli che ne possono fare a meno e, in ultimo, se ci sono modelli che si possono montare sulla parte alta della parete. Grazie mille e buona giornata.

Risposta
Ricardo

August 16, 2021 at 1:34 pm

Salve Alessandro,

i fori verso l’esterno sono comunque necessari indipendentemente dal modello scelto, perché il climatizzatore deve scaricare l’aria calda all’esterno, e devono essere di 202 millimetri di diametro. Purtroppo una delle caratteristiche comuni alla maggior parte dei climatizzatori senza unità esterna è che vanno montati in basso; esistono però delle alternative: il Fanair X-United-A di Fantini Cosmi, che va montato sulla parte alta della parete, e l’Unico Twin S1 di Olimpia Splendid.
Quest’ultimo offre un vantaggio rispetto al Fanair di Fantini Cosmi, perché è costituito già da due distinte unità che vanno montate nelle rispettive camere: una va installata nella parte bassa della parete mentre l’altra va installata nella parte alta. Il vantaggio consiste nel fatto che solo l’unità che va installata nella parte bassa ha bisogno dei fori, mentre l’altra no; se acquisti due Fanair, invece, dovrei fare i buchi nella parete per entrambi gli apparecchi.

Saluti

Team USP

Risposta
Fabio Melani

June 4, 2021 at 6:39 am

Graditi consigli, pe devo istallare sette!!

Risposta
Marco

November 28, 2021 at 6:25 pm

Buongiorno, la Parkair ha condizionatori in pompa di calore acqua-aria senza fori con l’esterno.

Risposta
Ricardo

June 5, 2021 at 2:03 pm

Salve Fabio,

puoi trovare l’intera gamma degli Olimpia Unico sulla relativa pagina del sito ufficiale. Per quanto riguarda i modelli inverter che hanno un design non tondeggiante ma più squadrato, come preferisci tu, i migliori attualmente in commercio sono l’Unico Air e l’Unico Pro; quest’ultimo, però, è il modello top di gamma ed è caratterizzato da un costo decisamente elevato.

Saluti

Team USP

Risposta
Fabio Melani

June 4, 2021 at 6:37 am

Quali sono i midelpi ancora in produzione Olympia Unico fissi?? Alternano modelli bellissimi, quadrati, di design con altri rotondeggianti, veramente brutti … come si può comprare un modello inverter, 18 cm inverter di design e non un orrido bbolone??

Risposta
Fabio Melani

May 16, 2021 at 7:54 am

Voi parlate di condizionatori AAA+++ senza unità esterna … ma ne esistono a listino?? Sono marche poi diffuse poco … assistenza e pezzi di ricambio immagino saranno un problema!! Specie per chi abita nel Chianti, come me!! … preferirei un Daykin ma SENZA ORRIDA UNITÀ ESTERNA!!

Risposta
Ricardo

May 20, 2021 at 7:12 pm

Salve Fabio,

esistono diverse ditte che producono condizionatori senza unità esterna, alcune delle quali italiane e notoriamente affidabili. Te ne citiamo alcune: Olimpia Splendid, Fantini Cosmi, Innova e Argo Clima.
Daikin è un marchio di eccellenza, e su questo non si discute, ma purtroppo non produce climatizzatori senza unità esterna.

Saluti

Team USP

Risposta
marcella moneta

May 9, 2021 at 7:11 pm

buongiorno , gradirei sapere per un monolocale di 30 mq, vorrei mettere un condizionatore ,ma il condominio non mi da il permesso di metterlo esternamente, come posso fare al meglio per avere aria fresca e calda in inverno, mi potete dare informazioni +++perchè in quella casa funziona tutto con elettricità, gas non c’è, grazie, distinti saluti

Risposta
Ricardo

May 11, 2021 at 4:36 pm

Salve Marcella,

la soluzione ideale per te è il climatizzatore Olimpia Splendid Unico Inverter, che è privo di unità esterna e richiede soltanto due piccoli fori nella parete che vengono poi coperti da grate, in modo da ridurre al minimo l’impatto estetico sulla facciata del palazzo.

Saluti

Team USP

Risposta