Costo, pro e contro e di un impianto fotovoltaico con accumulo

Ultimo aggiornamento: 24.10.21

 

Con il fotovoltaico con accumulo ci sono alcuni vantaggi: le detrazioni fiscali e la possibilità di un concreto risparmio in bolletta in primis. Ecco come funziona e quando è conveniente installarlo.

 

Da molti anni vanno di moda e si parla dei numerosi vantaggi derivanti dall’installazione di un impianto fotovoltaico con accumulo. A maggior ragione ultimamente, in cui il valore dei pannelli solari è incrementato grazie all’autoconsumo, toccando altissimi livelli in virtù di tecnologie all’avanguardia. Si tratta di un vero e proprio investimento che mira a diventare il passaggio concreto a un futuro sempre più prossimo delle comunità energetiche di tutto il mondo, e in primis in Europa e in Italia.

Dovete sapere, infatti, che impianto fotovoltaico con accumulo è un sistema non troppo complesso ma di ultima generazione, che è in grado di raggiungere livelli eccezionali in termini di ecosostenibilità, strizzando concretamente l’occhio all’ambiente: l’utilizzo di energia rinnovabile per la produzione dell’elettricità è infatti un passaggio indispensabile per l’epoca moderna. 

Al di là di vantaggi in termini di sostenibilità, l’installazione di un fotovoltaico con accumulo porta anche a un risparmio notevole in bolletta, riducendo il consumo di energia e aiutando a eliminare tutte quelle spese extra che gravano sul bilancio famigliare ogni mese.

Ecco quindi il primo vantaggio concreto, previa installazione che comunque rappresenta un investimento non di poco conto, persino per un fotovoltaico semplice: basterà pensare infatti che un impianto da 3 Kw può arrivare a costare anche più di 6.000 €, ed è adatto per nuclei composti da 2 o 3 persone.

Questo però va valutato in un’ottica complessiva e a lungo termine, in cui un risparmio sui consumi può permettere un ritorno dell’investimento praticamente nel giro di 5 o 7 anni, in base all’irraggiamento solare della zona in cui verrà installato l’accumulo fotovoltaico.

Bisogna quindi tenere conto anche di queste spese iniziali, che in qualche modo possono far desistere chi è abituato a soluzioni classiche ma nettamente più costose e impattanti sull’ambiente.

L’energia verde offre però numerosi altri vantaggi, tra cui anche la creazione di nuovi posti di lavoro e una riserva illimitata di energia, poiché proveniente direttamente dalla nostra stella: il Sole. Ma bando alle ciance e vediamo più concretamente quali sono i punti di forza e quali quelli di debolezza dei pannelli solari e di un accumulatore come quello che avete intenzione di acquistare e installare se siete giunti con la lettura fin qui.

 

Funzionamento e batterie di un impianto fotovoltaico

Come si può intuire, la quantità di energia uguale o superiore all’approvvigionamento della casa viene prodotta durante l’arco della giornata. Tutto ciò che è in eccedenza, invece, potrà essere rimborsato nella bolletta successiva, riversando nel Sistema Elettrico Nazionale, a meno che non si tratti di un impianto con accumulo, in cui l’esubero energetico viene conservato in accumulatori per fotovoltaico.

Questi ultimi offrono l’opportunità di impiegare l’energia prodotta anche durante altre situazioni, come quando magari c’è un guasto o anche durante le ore notturne o, ancora, con il maltempo.

Pochi sanno però che questo sistema permette di rientrare notevolmente delle spese, perché la richiesta di energia elettrica esterna si ridurrà del 50%.

Questi sistemi sono perciò davvero tanto convenienti, e diventano indispensabili quasi per abitazioni come baite in montagna o ville sperdute, che vengono sostenute unicamente da fonti rinnovabili.

L’impianto fotovoltaico è comunque ideale anche per chi passa molto tempo fuori casa, per lavoro o per piacere, perché permette di risparmiare utilizzando solo l’energia nelle fasce serali. Il funzionamento, come già anticipato, avviene grazie a batterie che si trovano facilmente in commercio, realizzate al litio oppure al piombo.

Queste ultime hanno certamente un costo inferiore rispetto la media ma sono particolarmente ingombranti, con una durata di massimo 5 anni. Le prime, invece, sono batterie di accumulo per fotovoltaico affidabili e durevoli (possono essere usate anche fino a 12 anni). Ne esistono anche di altre, ma dipende tutto dalle necessità, perciò andrà visto caso per caso con un professionista.

 

I vantaggi di un accumulatore fotovoltaico

I punti di forza di un impianto fotovoltaico sono diversi, perché è un sistema che prevede un processo di produzione dell’energia in eccesso durante la fascia diurna, per conservarla poi per le ore serali o quando se ne ha più bisogno.

Come si può intuire, questo offre l’opportunità di rendersi completamente indipendenti dal punto di vista della rete elettrica, andando ad alimentare batterie per fotovoltaico installate in precedenza.

In linea di massima possiamo dire che i vantaggi sono: autonomia energetica, risparmio in bolletta di luce e gas (perché si impiega energia pulita, ricavata dal sole), una scorta sempre presente nelle batterie di accumulo fotovoltaico e un sistema che si cuce su misura delle proprie esigenze quotidiane.

Gli svantaggi dei fotovoltaici

Dopo aver visto quali pro offre un impianto fotovoltaico con accumulo, è bene anche analizzare tutti i punti di debolezza. Valutare anche questi aspetti vi aiuterà senza dubbio ad avere una panoramica completa e informata.

Il primo neo che salta all’occhio è sicuramente il prezzo: l’installazione di un impianto fotovoltaico con accumulo non è particolarmente economica.

Potrebbe essere necessario anche sborsare più di 4.000 € in un’unica soluzione, che poi però verranno acquisiti nel tempo, con i risparmi notevoli in bolletta.

Il secondo punto di debolezza non riguarda proprio tutti i modelli ma solo alcuni, perché ci sono impianti che non possono essere espandibili, perciò dovrete acquistare fin da subito eventuali componenti offerti dalle aziende produttrici, così da non trovarvi successivamente con qualche elemento in meno che però può fare tutta la differenza del mondo.

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI