Vantaggi e svantaggi di un termoconvettore

Ultimo aggiornamento: 08.12.19

 

La tentazione di installare un termoconvettore in casa è forte ma avete valutato con attenzione i vantaggi e gli svantaggi? Non preoccupatevi perché lo abbiamo fatto noi per voi.

 

Siete stanchi di gelare in inverno, purtroppo la vostra casa fino ad ora è stata priva di un qualsiasi sistema di riscaldamento ma, siccome avete finalmente deciso di ristrutturarla, avete pensato bene di “attrezzarvi” per il periodo freddo. Tra le tante possibilità, vi stuzzica particolarmente l’idea di un termoconvettore buono ed economico.

Non vi sconsigliamo la scelta ma come per tutte le cose o quantomeno per la maggior parte di esse, conviene valutare bene i vantaggi e gli svantaggi o se preferite, i pro e i contro. Noi lo abbiamo fatto e l’articolo che state leggendo vi mostra il nostro punto di vista che chiaramente non vuole essere la verità assoluta. Più semplicemente si tratta di come la pensiamo noi e chissà che non possiate trovarvi d’accordo con quanto abbia scritto dopo una serie di accurate ricerche.

 

Il termoconvettore

Come primo passo, spieghiamo cos’è un termoconvettore. Si tratta di un impianto termico installabile a parete oppure a muro. La sua azione si basa sulla convenzione termica e può essere ad acqua, elettrico oppure a gas. Il termoconvettore di primo tipo richiede la presenza di una caldaia alla quale va allacciato.

È dotato di tubi alettati all’interno dei quali passa l’acqua. Sono presenti, inoltre, dei filtri che evitano di reimmettere la polvere nell’ambiente. Periodicamente è necessario sostituire questi filtri. Nel caso del termoconvettore elettrico non ci sono tubi e tanto meno acqua. In questo caso il calore si deve a delle resistenze elettriche. Il suo uso è suggerito soprattutto per gli ambienti piccoli. C’è, poi, il termoconvettore a gas. In questo caso l’aria viene riscaldata dalla fiamma sprigionata da un bruciatore.

 

 

I vantaggi

Ora che abbiamo più chiaro cos’è un termoconvettore, vediamo quali sono i vantaggi; successivamente illustreremo anche i contro. In inverno fa freddo, si sa. In alcune zone dell’Italia nevica e le temperature scendono anche parecchio sotto lo zero, i liquidi, di conseguenza, congelano. Per tale ragione i termosifoni, in questi casi, vanno lasciati sempre accesi; proprio per evitare che l’acqua al loro interno congeli. Ciò, tuttavia, obbliga a consumare maggiore energia. Tale problema non si presenta con i termoconvettori poiché non c’è alcun liquido in circolo, neanche nel modello ad acqua. 

Questo significa che se avete una casa in montagna dove andate di tanto in tanto, il termoconvettore si fa preferire al termosifone così da non avere brutte sorprese. Il termoconvettore riscalda in tempi abbastanza rapidi e soprattutto i modelli più recenti hanno le dimensioni compatte dunque fanno al caso di chi ha poco spazio da sfruttare. La manutenzione richiesta è minima, visto che basta eseguire un po’ di pulizia e, se presenti, cambiare i filtri. Non è nulla di complicato.

Non c’è dispersione di scarichi nocivi, anche con il termoconvettore a gas non c’è il pericolo che la casa si saturi del pericolosissimo e insidioso monossido di carbonio causa di non poche vittime in inverno. A seconda dei modelli si può disporre di un timer per impostare accensione e spegnimento. È possibile, inoltre, regolare la temperatura. Il termoconvettore ad acqua, poiché dotato di filtri, rende l’aria più salubre.

 

Svantaggi

Se il vostro problema sono i piedi freddi, farete bene a mettere un paio di calzini in più poiché il termoconvettore (ecco i migliori modelli), sfruttando il fenomeno della convezione, l’aria in basso è più fredda. In altre parole riscaldamento non è uniforme. Una volta spento il termoconvettore, rispetto a un termosifone, l’ambiente di raffredda più in fretta.

Tale problema, probabilmente, annulla il vantaggio iniziale del rapido riscaldamento dell’ambiente al momento dell’accensione del dispositivo. Il costo di un termoconvettore, mediamente, è superiore a quello di un termosifone.

 

 

Conclusioni

Giunti a questo punto è probabile che abbiate le idee più chiare se e quale tipo di termoconvettore installare in casa.

Come avete visto, i pro sembrano essere in netto vantaggio rispetto ai punti a sfavore ma chiaramente ci sono tanti altri aspetti da valutare che non valgono per tutti. Dunque integrate quanto appena letto al vostro caso specifico, solo così avrete davvero un quadro completo dei vantaggi e degli svantaggi.

 

 

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 voti, media: 5.00 su 5)
Loading...