Come scegliere al meglio l’arredamento per un monolocale

Ultimo aggiornamento: 03.03.24

 

Il monolocale non è semplice da arredare poiché richiede uno studio preciso dello spazio a disposizione. Se non sapete da dove iniziare, leggete attentamente tutto il nostro articolo per avere idee e informazioni in merito.

 

Avete appena acquistato un appartamento, magari in centro città e, optando per un monolocale, siete indecisi sull’arredamento e lo stile da adottare. Nel nostro articolo vedremo insieme alcune idee arredamento casa, soprattutto per quelle con metratura contenuta, open space e soppalco, quindi non perdete altro tempo e immergetevi nella lettura.

 

Arredare monolocale con gusto

Il monolocale, come dice la parola stessa, è un ambiente unico, con una sola stanza che deve essere in grado di garantire tutte le funzioni classiche di una casa, a eccezione naturalmente dei servizi sanitari che hanno il proprio ambiente dedicato. Per una famiglia numerosa l’idea è quasi impraticabile ma è possibile ritagliare degli spazi per almeno due persone. Non si può, o meglio, non è consigliato, arredare per accumulo, scegliendo di volta in volta mobilio nuovo, soprattutto se si vuole avere una sorta di continuità e colpo d’occhio piacevole. Quindi, prima di arredare un monolocale dovete avere le idee chiare sullo stile che desiderate.

 

Scegliere i colori primari

Con colori primari intendiamo quelli delle pareti, in un monolocale è di vitale importanza evitare assolutamente i colori scuri poiché gli ambienti piccoli risulterebbero ancor più angusti, influenzando negativamente l’umore di chi ci abita. Virate dunque su tonalità pastello o, ancora meglio, bianco e avorio, che renderanno il tutto più luminoso e lasciate che siano i mobili e gli accessori a sprigionare note di colore.

Evitate di posizionare ingombri nelle zone più luminose, in modo che la luce, provenendo dall’esterno, non abbia impedimenti e possa diffondersi al meglio in tutto l’appartamento. Per l’illuminazione serale è possibile giocare un po’ sugli spazi e i volumi, posizionando lampade a piantana o sospese in luoghi specifici, in modo da creare un ambiente accogliente, se scegliete luce calda, oppure più austero se preferite quella fredda.

Arredamento monolocale

Passiamo ora all’arredamento vero e proprio, ovvero la scelta del mobilio e degli accessori aggiuntivi che potranno dare carattere alla casa. Uno dei punti chiave da tenere sempre a mente è l’assoluta impossibilità di inserire mobili eccessivamente grandi, poiché occuperebbero tutta la superficie calpestabile, quindi se volete una casa che sia vivibile dovrete necessariamente optare per quelli di dimensioni contenute. La stessa regola vale per gli accessori, inutile acquistare un TV da 60 pollici, per esempio, se dovrete fissarlo da una distanza inferiore a un metro.

 

Arredi trasformabili

Con questo termine facciamo riferimento a tutti quegli elementi che possono essere nascosti o appunto trasformati in altro, come i letti a scomparsa, i tavoli pieghevoli che diventano degli sgabelli e così via. L’idea di avere un letto sempre in mezzo all’appartamento non è il massimo, per questo potreste preferire un divano che ogni sera può diventare facilmente il letto in cui dormire o addirittura che scompaia nella parete o sotto altri elementi d’arredo.

Nei monolocali con soppalco questo è generalmente posizionato in alto, per evitare così di averlo a vista. Le soluzioni sono diverse, dovrete quindi stabilire quale faccia al caso vostro in base al budget disponibile e la conformazione stessa della casa.

Una scrivania di questi tempi non può mai mancare, chi svolge lavoro da casa necessita di uno spazio apposito ma in un monolocale è difficile ritagliarlo, quindi bisogna adottare soluzioni alternative, come appunto una scrivania trasformabile, che all’occorrenza può essere chiusa e divenire un piccolo tavolo per consumare i pasti. Ne esistono anche di molto interessanti, a ribalta, che sono dunque fissate alla parete e quando alzate hanno uno spessore di pochi centimetri, garantendo quindi una maggiore superficie calpestabile quando non in uso.

Idee piccolo ingresso casa

L’ingresso del monolocale sarà sicuramente piccolo, quindi con poco spazio a disposizione per posizionare scarpiere o simili, come fare in questo caso? Per non dare la sensazione di ingombro, è bene scegliere mobili rialzati, da fissare alla parete, dove volendo potrete posizionare anche dei ganci che fungano da sostegno per cappotti e borse. Sconsigliati gli appendiabiti a piantana, che diventano ben presto degli “alberi di Natale” pieni di cappotti, rovinando l’estetica globale dell’appartamento.

 

Cucina soggiorno open space 15 mq

Un monolocale di 15 metri quadri è difficile da arredare e, avendo sempre la cucina a vista, questa deve essere sempre pulita e ben tenuta. Esistono però dei piccoli accorgimenti per dare l’idea di una suddivisione tra gli ambienti anche quando questa non esiste, con una penisola, per esempio, che funga anche da tavolo per consumare i pasti e che separi virtualmente il soggiorno dall’angolo cottura. Banalmente anche il posizionamento del tavolo, qualora preferiate quest’ultimo, può essere un dettaglio che separi concettualmente i due spazi, a patto che sia ben inserito nell’ambiente e che non sia eccessivamente ingombrante. Se pensate di avere spesso degli ospiti, acquistate piuttosto quelli che possono allungarsi, così potrete decidere all’occorrenza.

 

Monolocale con soppalco

I mini appartamenti con soppalco sono i più comodi da gestire, poiché sfruttano la verticalità, costruendo degli spazi altrimenti inutilizzati. La superficie calpestabile aumenta e così anche le possibilità di arredo. Un soppalco può essere utilizzato come area studio o stanza da letto, ma anche divenire un luogo di relax con poltrone e angoli lettura, lasciando che il resto dell’appartamento sia funzionale.

Idee per riscaldamento

Il riscaldamento in un monolocale non è così complesso da gestire, poiché gli spazi piccoli si scaldano immediatamente, quindi è possibile optare anche per dispositivi elettrici senza influire negativamente sui consumi. Sconsigliata invece la stufa a legna oppure quelle che utilizzano combustibili liquidi poiché bisogna sempre prestare attenzione alla produzione di monossido di carbonio, gestendo continuamente il riciclo d’aria.

Con le informazioni nel nostro articolo sarete in grado di gestire al meglio il vostro monolocale, vi ricordiamo infine che anche gli accessori sono importanti e una corretta scelta dei quadri potrebbe dare una marcia in più all’appartamento. Per gli ambienti moderni optate per qualcosa di astratto mentre lo stile rustico richiede arte campestre.

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI