I 9 Migliori Ventilatori del 2020

Ultimo aggiornamento: 29.09.20

 

Ventilatori – Guida all’acquisto e Confronti

 

Grazie alla comparazione eseguita sui modelli attualmente più richiesti dai consumatori, la nostra guida vi aiuterà a capire quale ventilatore comprare per soddisfare le vostre particolari esigenze. Come risulta dalla classifica, gli acquirenti hanno apprezzato soprattutto il Dyson Pure Cool Link, un modello ad alta tecnologia dotato di sensori e di sistema di filtraggio per la purificazione dell’aria, e il Rowenta VU5640 Turbo Silence Extreme 50 W, grazie al consumo ridotto e alla bassa emissione di rumore.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

I 9 Migliori Ventilatori – Classifica 2020

 

Da soffitto, da tavolo, a colonna, USB: in questa classifica analizziamo diversi tipi di ventilatori, tutti però accomunati dall’ottimo rapporto tra prestazioni offerte e prezzo, dal successo di vendite e quindi dall’apprezzamento dimostrato dai consumatori. Scoprite quali sono e fate una comparazione, in pochi minuti potreste individuare il miglior ventilatore per le vostre esigenze.

 

 

Ventilatore Dyson

 

1. Dyson Pure Cool Link Purificatore Ventilatore a Torre

 

Quando si parla di ventilatori, non si può non citare Dyson, l’azienda inglese leader nell’innovazione in questo settore. Il suo Pure Cool Link è un ventilatore dal design avveniristico perché senza pale e senza griglia, quindi assolutamente sicuro in presenza di bambini e anche molto più facile e veloce da pulire.

La tecnologia brevettata Air Multiplier consente di creare un flusso d’aria abbastanza potente e silenziosissimo: utilizzando la funzione Notte la rumorosità viene ulteriormente diminuita.

Spicca la rotazione di ben 350° di questo ventilatore che quindi diffonde l’aria fresca più uniformemente degli altri. L’innovativo telecomando curvo magnetizzato permette di controllare da lontano le funzioni, per poi essere collocato sulla struttura stessa.

Questo modello è 2 in 1 perché funge anche da purificatore grazie alla presenza del filtro HEPA che elimina il 99,95% delle particelle presenti nell’aria che vengono analizzate, monitorate e anche comunicate all’utente su dispositivo mobile scaricando l’app dedicata. Il prezzo, naturalmente, è di molto superiore agli altri modelli visti qui.

Riepiloghiamo adesso le caratteristiche principali di uno dei ventilatori Dyson più versatili.

 

Pro

Design innovativo: Spicca il design innovativo di questo ventilatore senza pale e senza griglia che è silenziosissimo, facile da pulire e più sicuro per i bambini.

Funzioni: Il ventilatore, che oscilla di ben 350°, genera un flusso d’aria abbastanza potente grazie alla tecnologia brevettata Air Multiplier. Le varie funzioni possono essere controllate dal pratico telecomando curvo magnetizzato e anche dal telefonino tramite app.

Purificatore: Questo modello è anche un purificatore che, grazie al filtro HEPA, trattiene il 99,95% delle particelle dell’aria. Ottimo per eliminare odori e impurità.

 

Contro

Prezzo: Non è questo il ventilatore più economico presente sul mercato, tutt’altro…

Acquista su Amazon.it (€510)

 

 

 

Ventilatore a piantana

 

2. Rowenta VU5640 Turbo Silence Extreme Ventilatore a Piantana

 

Il ventilatore a piantana modello VU5640, prodotto dalla ditta italiana Rowenta, è un esemplare di fascia medio-alta caratterizzato da un’ottima qualità strutturale e da un eccellente livello di prestazioni.

Questo tipo di apparecchio è ideale soprattutto per coloro che possono permettersi di affrontare il periodo più caldo dell’anno senza dover ricorrere per forza a un climatizzatore, e possono quindi risparmiare sia sulla spesa d’acquisto sia sui costi di gestione.

Il ventilatore a piantana Turbo Silence Extreme, infatti, ha un assorbimento di potenza di soli 70 Watt e un’emissione sonora decisamente inferiore rispetto ai ventilatori di fascia economica. Le regolazioni includono quattro diversi livelli di velocità più il Turbo Boost, l’oscillazione automatica, l’orientamento verticale e l’altezza.

Il supporto e la piantana sono realizzati con materiali di buona qualità, quindi è pesante, ma solido e resistente. La maniglia integrata, in compenso, permette di spostarlo con il minimo sforzo.

 

Pro

Bassa rumorosità: Grazie alla tecnologia Extreme Silence System, il ventilatore Rowenta è decisamente più silenzioso rispetto ai modelli di fascia più economica, quindi adatto anche per l’uso notturno durante la stagione estiva.

Basso consumo: La potenza assorbita è di soli 70 Watt, ciò lo rende estremamente virtuoso sul versante dei consumi.

Potente: Nonostante l’assorbimento minimo risulta molto potente, infatti è capace di movimentare un flusso d’aria della portata di 80 metri cubi al minuto.

 

Contro

Cavo corto: Secondo gli acquirenti il cavo di collegamento è un po’ troppo corto. Secondo i più esigenti, inoltre, la sua silenziosità è meno “estrema” di quanto promette.

Acquista su Amazon.it (€61.81)

 

 

 

Ventilatore con ghiaccio

 

3. Argo Polifemo Raffrescatore Evaporativo con Display LED

 

L’Argoclima Polifemo è un ventilatore con ghiaccio, e cioè un normale ventilatore con in più un sistema di raffrescamento dell’aria basato sull’evaporazione di cubetti di ghiaccio, da inserire in un’apposita vaschetta all’interno del dispositivo.

Nella parte superiore dell’apparecchio è posizionata l’elica del ventilatore, incassata in una scocca dove, nella parte inferiore, si trova la tanica dove posizionare i cubetti di ghiaccio, o le mattonelle refrigeranti. La brezza d’aria generata dal Polifemo, quindi, fa lentamente evaporare il ghiaccio e il vapore acqueo viene poi spinto nel flusso d’aria, consentendo di rinfrescarla.

Il ventilatore con ghiaccio Argoclima Polifemo possiede anche un sistema di filtraggio che purifica l’aria, è dotato di display LCD, telecomando slim con un raggio operativo di sei metri, timer programmabile e diverse modalità di funzionamento. L’assorbimento di potenza è di 110 Watt e sia il filtro antipolvere sia il pannello evaporativo sono facilmente estraibili per la pulizia periodica.

 

Pro

Rapporto qualità-prezzo: Considerate le funzioni disponibili, l’Argoclima Polifemo ha il pregio di possedere un eccellente rapporto qualità-prezzo. Anche i materiali impiegati nella fabbricazione sono di ottimo livello.

Sistema di filtraggio: La presenza di un filtro antipolvere gli permette di purificare l’aria, oltre a rinfrescarla, in modo da trattenere allergeni e altre particelle che potrebbero essere dannose per le vie respiratorie.

Facile da usare: Oltre alla semplicità dei controlli, il cui comfort è migliorato dalla presenza del telecomando, è anche facile da gestire per quanto riguarda la pulizia periodica del filtro.

 

Contro

Calcare: Non aspettatevi le prestazioni di un climatizzatore ovviamente, inoltre bisogna fare attenzione a usare soltanto ghiaccio fatto acqua demineralizzata, altrimenti il calcare rovinerà la piastra evaporativa.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Ventilatore ad acqua

 

4. G3Ferrari G50023 Raffrescatore d’Aria, 65 W

 

Anche il Frio, prodotto dalla ditta italiana G3 Ferrari, è un ventilatore ad acqua il cui scopo primario è quello di raffrescare l’aria, e il suo principio di funzionamento è analogo a quello dell’Argoclima Polifemo esaminato in precedenza.

La sua caratteristica principale è il prezzo più che conveniente, infatti è il più economico dei ventilatori esaminati nella nostra guida. Inoltre è anche quello che consuma di meno, grazie a un motore che assorbe soltanto 65 Watt di potenza.

Le funzioni del ventilatore ad acqua Frio sono analoghe a quelle offerte dal Polifemo, anche se la resa è leggermente inferiore ovviamente, il pannello di controllo è di tipo analogico invece, con i pulsanti ma senza display LCD, per cui è consigliato soprattutto ai risparmiatori più attenti e a chi non ha particolari pretese.

La dotazione di accessori, in compenso, include anche due mattonelle refrigeranti.

 

Pro

Economico: Il risparmio offerto dal ventilatore ad acqua Frio è duplice, sia per quanto riguarda la spesa d’acquisto sia per il consumo energetico, e questo ha contribuito non poco al suo successo di mercato.

Accessori: Un ulteriore vantaggio è quello di fornire due mattonelle refrigeranti come dotazione accessoria, in modo da tenerle in frigo e usarle in caso di emergenza quando manca il ghiaccio.

Alette oscillanti: La grata di emissione del flusso d’aria è dotata di alette oscillanti, in questo modo è possibile direzionare il flusso in modo che non sia sempre rivolto nella stessa direzione.

 

Contro

Prestazioni: Essendo un modello economico le sue prestazioni sono dimensionate. Se la temperatura supera i 38-39 gradi, la sua efficacia cala drasticamente.

Acquista su Amazon.it (€90.9)

 

 

 

Ventilatore USB

 

5. iKross Leggero Mini USB Ventilatore

 

Questo ventilatore è ideale da tenere sulla scrivania mentre si lavora collegandolo a una porta USB del computer. È un modello mini perché pesa circa 150 grammi e misura solo 15 x 15 x 10 cm, quindi un angoletto sulla scrivania lo si trova sempre. È insomma un piccolo ma piacevole alleato nelle giornate più calde.

Il cavo lungo 1,2 metri permette di tenerlo anche a una certa distanza. Ha il vantaggio di costare molto poco, quindi l’investimento è davvero minimo, quasi irrisorio. Per accenderlo e spegnerlo non bisogna attaccare e staccare il cavo ma basta premere l’interruttore.

L’angolazione è completamente regolabile, per cui il flusso d’aria arriverà esattamente nel punto desiderato. Per quanto riguarda la rumorosità, non sono emerse grosse critiche al riguardo.

Di seguito una breve panoramica di questo piccolo alleato nelle giornate più calde a casa o in ufficio.

 

Pro

Mini ventilatore USB: Questo è un modello davvero mini, pesa 150 grammi e misura 15 x 15 x 10 cm, quindi può essere tenuto praticamente ovunque, basta alimentarlo con una porta USB.

Prezzi bassi: Si tratta di un modello piccolo nelle dimensioni, nel peso e anche nel prezzo, quasi irrisorio.

 

Contro

Potenza: Essendo un ventilatore molto piccolo, non ci si possono aspettare prestazioni stratosferiche. Per avere un po’ di sollievo, bisogna tenerlo molto vicino a sé.

Adattatore: Il ventilatore in realtà può essere alimentato anche a corrente ma bisogna procurarsi l’adattatore che non è incluso.

Acquista su Amazon.it (€9.99)

 

 

 

Ventilatore nebulizzatore

 

6. G3 Ferrari Raffresc. D’Aria Klimas 55 Watt

 

Il Klimas invece, prodotto sempre dalla ditta G3 Ferrari, è un ventilatore nebulizzatore, ovvero un normale ventilatore a cui è applicato un sistema per convogliare acqua nel flusso d’aria, solo che invece di sfruttare il principio evaporativo l’acqua viene diffusa come negli spruzzini.

Il design è quello di un normale ventilatore, con la parte inferiore a colonna che contiene il serbatoio per l’acqua e il sistema a ultrasuoni utilizzato per nebulizzarla in particelle non più grandi di un micron. Le particelle d’acqua sono quindi convogliate in un tubo flessibile che le porta fino alle pale del ventilatore, dove vengono poi sospinte nell’ambiente attraverso il flusso d’aria prodotto dall’apparecchio.

Il Klimas è un ventilatore a controllo elettronico, dotato di display LCD e telecomando per il controllo remoto, alla base sono inoltre poste delle ruote che ne facilitano lo spostamento da una stanza all’altra, a seconda delle necessità.

 

Pro

Controlli elettronici: Grazie ai controlli elettronici è estremamente facile da utilizzare, integra inoltre un timer programmabile fino a 12 ore.

Versatile: Dispone di tre diverse modalità di funzionamento, normale, natural e sleep, e di tre livelli di velocità.

Comfort elevato: La comodità d’uso è notevole, grazie soprattutto alla presenza del telecomando per il controllo da remoto.

 

Contro

Costoso: Nonostante le buone prestazioni e le valide premesse, molti acquirenti lo ritengono un po’ troppo costoso, soprattutto in relazione ad apparecchi più efficienti.

Acquista su Amazon.it (€159)

 

 

 

Ventilatore da tavolo

 

7. Ardes AR5EA40 Ventilatore da Tavolo

 

Come scegliere un buon ventilatore da tavolo? Uno dei modelli più apprezzati è questo Ardes, disponibile in diverse misure così da poterlo scegliere in base allo spazio disponibile sul tavolo o sulla scrivania. In tutti i casi, la struttura e la griglia sono di colore nero lucido, mentre le pale sono azzurrine, semitrasparenti.

Si tratta di un modello classico molto semplice e, pertanto, può essere acquistato a un prezzo di primissima fascia, l’ideale per chi non cerca funzioni particolari ma solo un po’ di refrigerio spendendo il meno possibile.

Leggero, portatile, ha l’oscillazione automatica ma chi vuole il getto d’aria fisso su di sé può bloccarla e tenerlo in posizione fissa.

È inoltre possibile scegliere fra tre velocità diverse semplicemente schiacciando un bottone. Arriva smontato ma basta poco per assemblarlo.

Rivediamo adesso brevemente i pro e contro più significativi di questo piccolo ventilatore che ha ricevuto pareri positivi dalla maggior parte degli utenti.

 

Pro

Da tavolo: Si tratta di un ventilatore da tavolo con struttura nera lucida e tre pale semitrasparenti azzurrine. Ottimo per chi non vuole rinunciare a una piacevole brezza ravvicinata in estate quando studia o lavora.

Oscillazione: Il ventilatore oscilla in maniera automatica ma se si desidera il flusso d’aria fisso su di sé può anche essere bloccato.

Tre velocità: Le tre velocità permettono di selezionare la potenza del flusso d’aria desiderata.

Diverse misure: È possibile scegliere fra tre misure diverse in modo da adattarlo a ogni scrivania o tavolo.

 

Contro

Altezza non regolabile: Modello molto semplice con poche funzioni, non può essere regolato in altezza.

Acquista su Amazon.it (€21.02)

 

 

 

Ventilatore a torre

 

8. Rowenta VU6670 Ventilatore

 

Tra i migliori ventilatori del 2020 troviamo anche un modello a torre Rowenta. È un prodotto dal design slanciato; alto 1 metro, è leggero e occupa poco spazio e, rispetto alla versione precedente chiamata Crystal, presenta delle novità.

La griglia in questo caso è più lunga e quindi l’aria che fuoriesce è maggiore. Inoltre questo ventilatore ha un’oscillazione di ben 180°, per cui l’aria viene distribuita efficacemente nell’ambiente. C’è anche una griglia posteriore che si può rimuovere, permettendo quindi una pulizia più confortevole ed efficace.

Ci sono tre velocità tra cui scegliere ma la vera novità sta nella regolazione automatica che il ventilatore fa in base alla temperatura rilevata e indicata sul display.

Altra funzione molto apprezzata è il timer che consente di spegnere l’apparecchio da una a otto ore dopo l’attivazione. In ogni caso, dopo 12 ore, scatta lo spegnimento automatico.

Queste funzioni possono essere gestite dal telecomando incluso che può essere poi riposto nell’apposito vano. Molto comodo anche l’avvolgicavo alla base per avere sempre tutto in ordine.

Tecnologico, ricco di funzioni, ecco in breve le caratteristiche del nuovo ventilatore a colonna Rowenta.

 

Pro

A colonna: Questo è un ventilatore a colonna dal design slanciato e sottile. Leggero, è facile da spostare e occupa un ingombro ridotto.

Efficace diffusione: La griglia particolarmente alta e l’ampia oscillazione di ben 180° permettono di diffondere efficacemente il fresco nell’ambiente.

Velocità: Ci sono tre velocità tra cui scegliere ma il ventilatore è in grado di impostare autonomamente quella migliore in base alla temperatura presente e visualizzabile sul display.

Funzioni: C’è il timer regolabile da una a otto ore e lo spegnimento automatico che scatta dopo 12 ore. Non manca il telecomando e il pratico avvolgicavo.

 

Contro

Basso: L’altezza pari a 1 metro potrebbe rivelarsi insufficiente per qualcuno.

Acquista su Amazon.it (€102.99)

 

 

 

Ventilatore da parete

 

9. Westinghouse 7222040 Ventilatore a Soffitto Bendan

 

Quale ventilatore comprare per il proprio soffitto? Uno dei modelli più venduti online e graditi agli utenti è il Westinghouse Bendan. Cerchiamo di capire perché.

Intanto, è disponibile in diversi colori e quindi può essere abbinato bene al proprio arredamento, un dettaglio da sottolineare perché non tutti gli altri ventilatori offrono questa possibilità.

Poi si tratta di un modello completo: oltre che da ventilatore, può infatti fungere anche da lampadario grazie al punto luce centrale che include una lampadina alogena con attacco R7s compatibile con lampadine LED più performanti.

È un modello a cinque pale da 132 cm; naturalmente è possibile invertire il senso di rotazione delle lame per spingere verso il basso l’aria calda che tende a salire per usare quindi il ventilatore anche in inverno. Queste funzioni, illuminazione e ventilazione, possono essere controllate dal telecomando incluso o dall’interruttore a parete.

Tra i ventilatori a soffitto più venduti c’è il Westinghouse Bendan. Ecco quali sono le sue caratteristiche principali.

 

Pro

Diversi colori: Chi cerca un modello da abbinare al proprio arredamento può contare sulla gamma di colori diversi in cui questo modello è disponibile.

Lampadario: Il ventilatore è anche lampadario, viene inclusa una lampadina alogena e l’attacco R7s è compatibile con LED.

Inversione pale: Come tutti i migliori ventilatori da soffitto, anche questo Westinghouse permette di invertire il senso di rotazione delle pale e spingere verso il basso l’aria calda in inverno.

Telecomando: Il telecomando incluso permette di controllare queste funzioni, illuminazione e ventilazione, da lontano. È comunque compatibile con l’interruttore da parete.

 

Contro

Illuminazione: Sia con la lampadina alogena sia con quella a LED, pare che l’illuminazione non si riveli sufficientemente forte per via della calotta che fa da rivestimento.

Acquista su Amazon.it (€155)

 

 

 

Guida per comprare un ventilatore

 

Perché scegliere un ventilatore

Quando arriva l’estate e il caldo aumenta, tutti andiamo puntualmente alla ricerca di refrigerio e cerchiamo di trovare un modo per mantenere un clima sopportabile nelle nostre case, o nei luoghi di lavoro.

La prima cosa a cui si pensa, ovviamente, è il climatizzatore, ma questi impianti sono costosi e hanno un consumo energetico abbastanza alto, quindi molti preferiscono ancora orientarsi verso l’acquisto e l’utilizzo dei ventilatori. Pur essendo meno efficienti rispetto ai climatizzatori, infatti, i ventilatori offrono comunque il pregio di costare e, soprattutto, consumare molto meno.

La scelta di un ventilatore, molto spesso, è dettata anche dal tipo di ambiente dove si dovrà utilizzarlo. Nel caso di piccoli uffici o negozi, per esempio, dove la necessità è quella di risolvere una situazione contingente che si presenta solo per pochi mesi all’anno, l’acquisto di un ventilatore potrebbe risultare la soluzione migliore e anche la più economica.

Nella realtà dei fatti, però, la tecnologia si è evoluta a un punto tale che, alcuni particolari modelli di ventilatore sono diventati abbastanza costosi, a causa dell’alta tecnologia che impiegano o delle ulteriori modalità di funzionamento di cui dispongono, quindi bisogna fare particolare attenzione a scegliere quello che possa rispondere al meglio alle vostre esigenze, soprattutto per quanto concerne la spesa d’acquisto.

I ventilatori ad alta tecnologia e i multifunzione

Per quanto riguarda l’offerta di mercato, soprattutto tra i prodotti venduti online, avrete soltanto l’imbarazzo della scelta; per alcuni prodotti però, dovrete fare anche attenzione al tetto massimo che vi siete imposti per la spesa d’acquisto.

Al top della categoria infatti, in termini di innovazione e alta tecnologia, si trovano i modelli prodotti dal noto marchio inglese Dyson. Questi ventilatori sono all’avanguardia sia dal punto di vista progettuale sia per il livello di prestazioni offerte, hanno una resa eccellente e sono multifunzionali, ma sono caratterizzati da un costo altrettanto elevato, più o meno alla pari con quello posseduto da un impianto di climatizzazione di fascia economica.

Nonostante siano costosi però, questo tipo di apparecchi stanno conquistando una fetta di mercato sempre più ampia, soprattutto da parte di utilizzatori domestici. Le ragioni, in generale, sono dovute proprio alle caratteristiche tecnologiche possedute dai piccoli elettrodomestici di ultima generazione, il cui primo vantaggio è quello di ottimizzare l’utilizzo degli apparecchi, ridurre drasticamente i consumi elettrici e massimizzare il comfort grazie ai software di controllo remoto Wi-Fi.

Nella fascia intermedia di prezzo invece, troviamo tutti quei ventilatori combinati che permettono di movimentare l’aria e, al tempo stesso, di umidificarla oppure di diffondere aromi nell’ambiente. Raffrescatori evaporativi, ventilatori nebulizzatori, ventilatori ad acqua, a ghiaccio e via dicendo, sono tutti modi per descrivere questo particolare tipo di apparecchi. Il costo di questi apparecchi è più basso rispetto ai Dyson, ovviamente, ma a seconda del modello la differenza potrebbe non essere così consistente.

 

I ventilatori a piantana, da tavolo e da soffitto

Se invece non avete grosse esigenze o semplicemente il vostro budget di spesa è limitato, allora potrete tranquillamente orientarvi sui classici ventilatori a piantana oppure da tavolo, estremamente pratici per la loro mobilità e molto vantaggiosi dal punto di vista economico. Senza ovviamente dimenticare i ventilatori con braccio snodabile da installare a parete.

Con questo tipo di apparecchi, infatti, è possibile ottenere il massimo del comfort per una cifra che oscilla dai 40 ai 100 euro, con la possibilità di acquistare un buon ventilatore dotato di telecomando, modalità di funzionamento notturna e timer per lo spegnimento automatico. Alcuni modelli, inoltre, sono caratterizzati anche da un livello di rumorosità più basso rispetto alla media.

I ventilatori da soffitto invece, a seconda della zona dove si vive e del tipo di abitazione, possono rivelarsi molto utili, specialmente in un’ampia veranda oppure dove i soffitti sono particolarmente alti, come nelle abitazioni rustiche. Anche in questo caso i prezzi oscillano dalla fascia più economica fino a quella media, e possono partire dai 50 euro circa fino ad arrivare ai 300 e oltre, a seconda del modello scelto e delle sue caratteristiche specifiche.

I mini ventilatori

I ventilatori in formato mini sono progettati per uso personale ovviamente, e sono pensati per l’uso durante gli spostamenti nei mezzi pubblici affollati, oppure per trovare refrigerio in ufficio durante le giornate più calde. Costano poco, sono piccoli e semplici da portare in borsa e, solitamente, sono alimentati da una batteria interna sostituibile o ricaricabile tramite USB, a seconda del modello.

 

 

 

Domande frequenti

 

Quanto costa un ventilatore?

Il costo di un ventilatore può partire dai 10-15 euro dei modelli mini, o di quelli più economici, fino ad arrivare ai 500 euro e oltre dei ventilatori ciclonici Dyson. La spesa media per un modello normale però, è di circa 50 euro, 100-130 euro circa invece se si sceglie un raffrescatore.

 

Come funziona un ventilatore?

Il suo principio di funzionamento è estremamente semplice, un motore alimentato elettricamente aziona una ventola le cui pale spostano un flusso d’aria di portata variabile a seconda del modello e della potenza assorbita.

 

Chi ha inventato il ventilatore?

Omar-Rajeen Jumala mise a punto il primo ventilatore meccanico nel 1832, allo scopo di migliorare le condizioni di lavoro dei minatori di carbone e degli operai nelle fabbriche. Il primo modello destinato all’impiego domestico, invece, risale al 1882 a opera dell’ingegnere elettrico americano Schuyler Skaats Wheeler.

 

Quanto consuma un ventilatore?

Il ventilatore è ben noto per essere un dispositivo a basso consumo elettrico. A seconda della tipologia, infatti, il suo assorbimento di potenza può variare dai 50 ai 120 Watt circa. I modelli di fascia economica però, in particolare quelli mini e quelli da scrivania, possono aggirarsi anche sui 15 o 20 Watt di potenza, quindi anche usandoli per molte ore al giorno la loro incidenza sui costi delle bollette è davvero minima.

 

Come fare aria fredda con un ventilatore?

Il ventilatore, solitamente, può soltanto spostare l’aria e dare quindi una sensazione di fresco grazie alla brezza prodotta, ma non influisce sulla temperatura ambiente. Alcuni modelli però, come i raffrescatori e i nebulizzatori, sono in grado di fornire una minima variazione di temperatura incrementando il livello di umidità nell’aria.

 

Come montare un ventilatore?

Solitamente questi apparecchi non richiedono alcun montaggio. Fatta eccezione per i modelli predisposti per l’installazione a parete, infatti, la stragrande maggioranza dei ventilatori destinati all’impiego domestico vengono utilizzati in modalità free standing, come i modelli da tavolo, per esempio, o quelli a piantana.

Raffrescatori e nebulizzatori, invece, sono solitamente dotati di ruote piroettanti, in modo da poterli spostare con estrema facilità da un ambiente all’altro, a seconda delle necessità del caso.

 

Come si aggiusta un ventilatore?

Nel caso in cui si dovesse verificare un malfunzionamento o un’avaria, è consigliabile evitare le soluzioni fai da te e rivolgersi direttamente al centro assistenza della ditta produttrice, in modo da non perdere la garanzia sul prodotto. Soprattutto se si tratta di un modello a controllo elettronico.

 

Come è fatto un ventilatore?

Gli apparecchi più semplici consistono esclusivamente nell’elica, nel motore che la aziona e nella scheda di controllo, che può essere meccanica o elettronica a seconda del modello. I raffrescatori evaporativi integrano anche un sistema di filtraggio e una speciale piastra per l’evaporazione dell’acqua, contenuta in una piccola vaschetta estraibile dalla capacità variabile a seconda del modello.

I ventilatori nebulizzatori, invece, sono una variante dei raffrescatori con la differenza che invece di sfruttare il principio dell’evaporazione, sono dotati di un sistema a ultrasuoni per la nebulizzazione dell’acqua in particelle di dimensioni microscopiche.

 

Perché il ventilatore non funziona?

Le ragioni di un malfunzionamento del ventilatore possono essere diverse, a partire da una semplice interruzione nell’alimentazione fino all’usura del motore elettrico, dovuta all’uso intensivo e troppo prolungato dell’apparecchio. I modelli più economici soffrono in particolar modo di questa limitazione, che si manifesta col tempo sotto forma di un rallentamento improvviso della velocità di rotazione dell’elica, che a volte arriva addirittura a fermarsi nonostante il motore sia ancora in funzione.

A questo proposito è bene ricordarsi di pulire spesso il ventilatore e di rimuovere la polvere che si deposita sul mozzo dell’elica e sulle feritoie della scocca che avvolge il motore.

 

Quanto consuma un ventilatore da 50 watt?

Il calcolo è molto semplice, a un ventilatore che assorbe 50 watt di potenza per un’ora di funzionamento occorreranno 10 ore di funzionamento ininterrotto per consumare 0,5 kWh. Ovviamente abbiamo calcolato il consumo alla massima potenza, se il ventilatore viene impostato a velocità intermedia, o bassa, l’assorbimento di energia si riduce di conseguenza.

 

 

 

Come usare un ventilatore

 

Per quanto concerne i normali ventilatori, il metodo d’uso non ha nulla di complicato. Basta collegare l’apparecchio alla rete elettrica e impostare le funzioni desiderate; è importante però tenere a mente alcune cose di fondamentale importanza.

 

 

La prima è quella di usarlo con moderazione, soprattutto se in casa ci sono persone anziane o bambini piccoli.

Durante la notte, inoltre, è preferibile evitare di tenere il ventilatore acceso, a meno che non sia dotato di funzione Sleep per lo spegnimento automatico, e in ogni caso non puntarlo mai direttamente sul corpo, visto che potrebbe essere rischioso per la salute.

Il discorso cambia, invece, per quanto riguarda i raffrescatori e i nebulizzatori. Questo particolare tipo di ventilatore ha bisogno di essere caricato con una certa quantità d’acqua, ghiaccio oppure mattonelle refrigeranti, da inserire in un apposito contenitore la cui capacità varia a seconda del modello.

Le mattonelle refrigeranti sono particolarmente consigliate per una questione di sicurezza, oltre a ridurre l’inconveniente dell’umidità che si deposita sulle superfici nelle immediate vicinanze dell’apparecchio, infatti, riduce il rischio di depositi di calcare al suo interno, che a lungo andare finirebbero col comprometterne l’efficacia. La soluzione alternativa, altrimenti, sarebbe quella di usare sempre ghiaccio e acqua demineralizzati.

 

 

Questi ventilatori integrano anche sistemi di filtraggio allo scopo di purificare l’aria e impedire a allergeni, polveri sottili e microrganismi vari di rappresentare una minaccia per la salute. Ragion per cui, periodicamente, bisogna ricordarsi anche di rimuovere i filtri dall’apparecchio e sottoporli a un’adeguata pulizia, in modo da mantenere intatta la loro efficacia nel tempo.

 

 

Sir James Dyson e la sua rivoluzione “ciclonica”, il modo in cui ha cambiato radicalmente il volto degli aspirapolvere e, soprattutto, quello dei ventilatori domestici

 

Cosa pensereste se vi dicessero che esistono ventilatori in grado di movimentare e purificare l’aria allo stesso tempo? E che per di più sono privi di pale? Molto probabilmente sareste portati a pensare che si tratti di uno scherzo, e invece è esattamente il contrario, questi ventilatori sono reali e il frutto dell’applicazione in ambito domestico della tecnologia ciclonica.

La tecnologia ciclonica era già ampiamente utilizzata in passato in ambito industriale, allo scopo di filtrare lo sporco, i detriti e i residui di lavorazione, in modo da mantenere pulite le superfici e l’aria degli ambienti di lavoro, ma non era mai stata applicata all’impiego domestico a causa dei suoi costi elevati; almeno fino a quando un inventore britannico ostinato e determinato non ha pensato bene di porre rimedio al problema.

Dal momento in cui sir James Dyson è riuscito ad adattare la tecnologia di aspirazione ciclonica per l’impiego domestico, nel mondo dei piccoli elettrodomestici è avvenuta una vera e propria rivoluzione. I primi esemplari dotati di questa tecnologia a comparire sul mercato sono stati gli aspirapolvere, la cui caratteristica principale, oltre all’essere privi di sacchetto, è quella di possedere una potenza tale da renderli capaci di aspirare anche le particelle microscopiche, misurabili nell’ordine dei micron, e quindi la possibilità di rimuovere non solo la polvere e lo sporco, ma anche gli allergeni e i microbi, attuando contemporaneamente la pulizia e la sanificazione delle superfici.

 

Tecnologie all’avanguardia per ridurre il rumore

Dopo aver messo a punto la sua gamma di aspirapolveri, migliorandone ulteriormente le prestazioni in termini di pulizia e riduzione dei consumi, Dyson ha rivolto l’attenzione al modo migliore di rendere l’aria degli spazi domestici altrettanto sana e pura, priva di polveri sottili e particelle organiche microscopiche che potrebbero essere causa di allergie e altri problemi alla salute umana, soprattutto alle vie respiratorie.

Ed è proprio partendo da queste premesse che sono nati i famosi ventilatori Dyson, caratterizzati dalla totale assenza di pale e da un aspetto quasi fantascientifico, oltre che da prestazioni al di sopra della norma. I tradizionali ventilatori a pale sono sempre stati condizionati dal livello di rumorosità emesso; maggiore è la potenza e migliore la resa nel rinfrescare l’aria, ma al costo di un’elevata rumorosità, i modelli più silenziosi invece, risultano poco potenti e quindi hanno una minore efficienza. La prima generazione dei ventilatori prodotti da Dyson, quindi, era concentrata soprattutto nell’offrire il top delle prestazioni sia per quanto riguarda la potenza sia per la silenziosità.

Una volta raggiunto questo scopo, però, l’azienda inglese passò a migliorare ulteriormente la resa dei suoi ventilatori grazie all’ausilio di un sistema di filtrazione HEPA a elevata efficienza, ma per capire meglio come funziona questa tecnologia facciamo un passo indietro e cerchiamo di capire come funziona effettivamente un ventilatore senza pale.

 

 

La Fisica applicata per migliorare l’efficienza

I bladeless fan, come vengono comunemente definiti in inglese i ventilatori senza pale Dyson, funzionano secondo i principi della fluidodinamica, sfruttando in particolare il fenomeno fisico noto come effetto Coandă, e cioè la tendenza che ha un getto fluido nel seguire il profilo di una superficie vicina. In questi dispositivi l’aria viene aspirata tramite una ventola centrifuga posta nella parte bassa del ventilatore, che fa anche da supporto per lo stesso, e poi viene letteralmente iniettata a forte velocità all’interno dell’anello sovrastante, che può essere di forma circolare o ellittica a seconda del modello.

L’anello funziona quindi da espansore, erogando un flusso d’aria soggetto appunto all’effetto Coandă, il quale lo rende molto costante, direzionale e uniforme, riducendo le turbolenze quasi a zero, a differenza dei ventilatori tradizionali.

Queste caratteristiche permettono ai ventilatori Dyson di essere decisamente più efficienti, sotto tutti gli aspetti, a cominciare dalla riduzione dei consumi fino all’abbattimento dei livelli di rumorosità. Se la potenza media assorbita da un ventilatore tradizionale, infatti, si attesta sui 55-60 Watt, quella di un ventilatore Dyson non supera i 24-30 Watt; il livello di rumorosità emesso dai ventilatori tradizionali, inoltre, parte dai 65 decibel a salire, a seconda del modello, mentre i Dyson sono capaci di rimanere in una soglia variabile dai 40 ai 60 decibel al massimo.

 

 

Filtrazione dell’aria ai massimi livelli

I ventilatori Dyson della serie Pure Cool, a queste eccellenti caratteristiche, uniscono anche quella di un’elevata efficienza nella sanificazione dell’aria domestica, il tutto grazie all’integrazione di sensori specifici, in grado di rilevare in tempo reale il particolato, i fumi tossici e perfino l’eventuale presenza di gas, e di uno speciale sistema di filtrazione.

Quest’ultimo è composto da due strati distinti, uno basato su granuli di carbone attivo sottoposti a un particolare processo impregnante, il quale gli permette di catturare non solo i cattivi odori, ma anche il gas proveniente dai fornelli, dalle stufe o dagli impianti di riscaldamento, i vapori di formaldeide provenienti dai prodotti per la pulizia di pavimenti e tappeti, il benzene emesso dalle candele o dai prodotti generici per la pulizia, e il biossido di azoto generato dalla combustione dei fornelli a gas.

Il secondo strato invece, con caratteristiche HEPA, è realizzato con microfibre di vetro borosilicato pieghettate oltre 238 volte, le quali sono in grado di catturare il 99,95% delle particelle fino a una dimensione di 0,1 micron.

I ventilatori Dyson appartenenti alla serie Pure Cool, quindi, sono in grado di ridurre drasticamente i rischi per la salute umana, eliminando dalle nostre abitazioni i PM 10, in cui rientrano i pollini e gli allergeni provenienti da piante e fiori, i PM 5.0, rappresentati principalmente da microrganismi come spore, muffe e batteri, i pericolosissimi PM 2.5, rappresentati dalle emissioni industriali, e perfino i PM 0.1, categoria in cui rientrano le particelle ultrafini e i virus.

Rispetto ai ventilatori tradizionali, i Dyson Pure Cool sono decisamente più costosi. Nonostante questa limitazione, però, sono sempre di più le persone che scelgono di acquistarli, e le loro eccellenti prestazioni, la silenziosità e il basso consumo energetico, che sul lungo periodo incide non poco sulle spese di gestione, sono ragioni del tutto secondarie rispetto alla loro efficienza nel mantenere l’aria sana e pulita, oltre che fresca. Le nuove versioni, inoltre, integrano anche una resistenza elettrica per cui sono capaci di emettere anche aria calda e dare la possibilità di essere usati sia in inverno sia in estate.

 

» Controlla gli articoli degli anni passati

 

1. Dyson AM09 Hot + Cool Fan Heater 

 

Il modello AM09 di Dyson non è recentissimo ma proprio per questa ragione è possibile trovarlo a un prezzo più abbordabile rispetto a quelli di ultima generazione. Non funziona solo come ventilatore ma anche come termoventilatore pertanto può essere usato gran parte dell’anno. 

Dobbiamo dire che sul versante del fresco la clientela si aspettava qualcosa di più da Dyson, tuttavia ricordiamo che questo non è un climatizzatore ma resta pur sempre un ventilatore per quanto possa essere tecnologicamente avanzata e ben costruito. 

Proprio la qualità costruttiva si presenta come uno dei principali vantaggi del dispositivo, tutto è molto solido e perfettamente funzionante. Comoda la possibilità di accendere  e spegnere, così come impostare la temperatura dello AM09 con il telecomando. Leggero, è poco ingombrante pertanto non è difficile trovargli una collocazione.

 

Pro

Qualità costruttiva: L’AM09 è ben costruito, gli ingegneri Dyson hanno fatto un ottimo lavoro regalandoci, si fa per dire, un elettrodomestico che può durare a lungo.

Dimensioni: Non è un problema trovare una collocazione allo AM09 in quanto presenta un ingombro minimo ed essendo abbastanza leggero non è complicato da spostare.

Costo: Non essendo un modello recentissimo è un elettrodomestico che si può trovare in venduta a un buon prezzo.

 

Contro

Rinfresca poco: Nonostante l’innovativa tecnologia non fa miracoli quando serve un po’ di fresco, perciò se fuori fa molto caldo la situazione migliorerà di poco.

Acquista su Amazon.it (€409)

 

 

 

2. Dyson AM06 Desk Fan, 12 Inch 

 

L’AM06 è un ventilatore da tavolo ed è sprovvisto, come da tradizione Dyson, delle pale. Sfrutta la tecnologia multiplayer grazie alla quale si genera un flusso di aria molto potente. L’assenza delle pale è certamente un vantaggio anche per la sicurezza, pensiamo soprattutto a chi ha bambini in casa. 

L’utente, sfruttando la funzione di oscillazione, può lasciar diffondere uniformemente l’aria in buona parte dell’ambiente. Basta un tocco per inclinare lo AM06 in quanto è capace di ruotare sul suo baricentro. Con il timer si può impostare lo spegnimento con intervallo da 15 fino a 9 ore, peccato non possa essere impostata l’accensione. 

Tutto può essere gestito con il telecomando I consumi sono contenuti così come i livelli di rumore. Di grande semplicità e praticità è la pulizia, basta uno straccio. La qualità dei materiali è buona, lo AM06 non difetta per robustezza mentre il prezzo, secondo alcuni utenti è troppo alta e si ha la sensazione si padare anche il prestigio del produttore.

 

Pro

Flusso d’aria: L’AM06 è capace di emettere un flusso d’aria molto potente, decisamente superiore a quello dei tradizionali ventilatori.

Semplicità: La gestione del ventilatore è molto pratica, con il telecomando si impostano le funzioni come il timer o la regolazione dell’oscillatore, con un semplice tocco si inclina il dispositivo.

Sicuro: È un ventilatore che si fa apprezzare anche per il livello di sicurezza in quanto non è dotato di pale.

 

Contro

Accensione: Il timer è utile soltanto per impostare la durata e quindi lo spegnimento ma non è possibile programmare l’accensione.

Acquista su Amazon.it (€288.92)

 

 

 

3. Dyson DP04 ventilatore senza pale

 

Chi compra il DP04 lo fa soprattutto per respirare aria di migliore qualità piuttosto che ottenere un po’ di fresco, cosa che comunque non guasta, sia ben inteso. Siamo convinti che chi ha la preoccupazione di respirare aria purificata da particelle inquinanti e dagli allergeni non si lamenterà dell’acquisto in quanto come purificatore, il DP04 funziona egregiamente. 

Comodo il display LCD sul quale è possibile osservare in tempo reale il livello qualitativo dell’aria grazie all’azione di tre sensori che monitorano costantemente la situazione. I dati circa la qualità dell’aria possono essere visionati anche sullo smartphone grazie alla app dedicata. 

L’oscillazione a 350° consente una buona e uniforma distribuzione dell’aria purificata. Facile da pulire, il ventilatore/purificatore è compatto e si fa apprezzare anche per l’ottimo design. Meno contenti lascia il prezzo che riteniamo alto.

 

Pro

Purifica: La capacità che il DP04 ha di purificare l’aria è a dir poco impressionante, da questo punto di vista svolge un ottimo lavoro.

Controllo costante: L’utente in qualsiasi momento può conoscere il livello di inquinamento dell’aria in casa, basta controllare il display oppure sullo smartphone.

Oscillazione: Il fatto che il dispositivo possa oscillare a 350° si traduce in una uniforme distribuzione di aria purificata che farà felici soprattutto i soggetti allergici.

 

Contro

Costo: A nostro avviso il prezzo è troppo alto, purtroppo in tanti resteranno esclusi perché impossibilitati a pagare una cifra del genere.

Acquista su Amazon.it (€690)

 

 

 

4. Dyson Cool AM07 – Mini ventilatore a torre ad aria 

 

Design vincente per il ventilatore a torretta di Dyson. Emette un flusso d’aria potente, l’utente può scegliere tra dieci livelli ma attenzione perché quando opera al massimo della sua potenza è piuttosto rumoroso, cosa in vero che quasi nessuno dei clienti si aspettava, vuoi per l’assenza di pale vuoi per il fatto di essere un prodotto Dyson che per molti è sinonimo di garanzia. 

Dobbiamo avvertire che nelle giornate torride non trarrete grande giovamento dall’uso di questo ventilatore, comunque è sempre meglio di niente, basta non aspettarsi che funzioni come un climatizzatore perché non lo è. 

C’è il timer per impostare lo spegnimento e tutto può essere gestito con il telecomando. Buona, secondo noi, la qualità costruttiva. Una menzione la merita la stabilità che a nostro dire è perfetta, quindi non rischia di cadere se accidentalmente urtato.

 

Pro

Uso: È un dispositivo dal facile utilizzo, c’è ben poco da leggere sul libretto delle istruzioni in quanto tutto è molto intuitivo.

Sicuro: La sicurezza è una delle doti principali di questo articolo, da un lato non ci sono le pale, dall’altro ha una stabilità convincente, se doveste urtarlo non preoccupatevi non carà.

 

Contro

Rinfresca poco: Molti clienti si aspettavano un maggior contributo nel momento del bisogno, ovvero, quando il caldo si fa torrido, invece non è così.

Rumoroso: Ha indispettito non pochi acquirenti il fatto che, contrariamente a quanto pubblicizzato, l’AM07 sia rumoroso, soprattutto se è impostata la massima potenza.

Acquista su Amazon.it (€399)

 

 

 

5. Dyson Pure Hot+Cool Purificatore d’aria da tavolo

 

Come dispositivo è davvero completo, in pratica trovate sempre l’occasione per usarlo durante tutto l’anno. Per quale motivo? Beh riscalda, raffredda e purifica anche l’aria. È efficace nel fare tutte queste cose? Sì e no. Cominciamo da ciò che più ha convinto ovvero la capacità di purificare l’aria, molti utenti riferiscono di aver notato a naso le migliorie, se poi avete problemi di allergie alla polvere, l’acquisto è più che consigliato. 

Vi rinfresca? Sì ma non come tutti vorrebbero. Se fa molto caldo scordatevi che Dyson vi risolva il problema Ad ogni modo ci sono dieci livelli di potenza, il primo è quasi inservibile, l’ultimo scatena un bel vento ma il prezzo da pagare è un rumore insopportabile che qualcuno giudica tale già a livello quattro. 

Sufficienza, invece, per la capacità di riscaldare. La qualità di materiali è buona e questo almeno in parte aiuta a mandare giù più facilmente quel boccone amaro che è il prezzo. Comoda la possibilità di controllare sullo smartphone i livelli di inquinamento nell’ambiente domestico.

 

Pro

Completo: In un solo colpo si dispone di un ventilatore, un termoventilatore e un purificatore di aria tutto concentrato in un dispositivo compatto.

Purificatore: Il punto di forza secondo noi sta nella capacità di purificare l’aria, molti raccontano di aver notato la differenza dopo un paio di ore di utilizzo.

 

Contro

Capacità di rinfrescare: In tanti si aspettavano molto di più dalla funzione ventilatore, la delusione è stata parecchia, in particolare alla luce dell’ingente somma spesa.

Rumoroso: Quando è in funzione il Dyson è tutt’altro che silnzioso. Il problema si avverte soprattutto dal quarto livello di potenza in poi.

Acquista su Amazon.it (€780)

 

 

 

6. Dyson AM10 Humidifier and Fan 

 

La funzione principale dello AM10 Humidifier è, appunto, umidificare l’ambiente. Grazie alla tecnologia Air Multiplier l’aria umidificata è diffusa a lungo raggio e con uniformità secondo 10 livelli. La seconda funzione offerta dal dispositivo è quella di rinfrescare l’aria. 

Respirate l’aria pulita grazie al sistema ultraviolet cleanse che per effetto di una luce ad onde corte che ha la capacità di penetrare nelle cellule danneggia il DNA di funghi, virus e batteri.

La gestione del dispositivo può avvenire con il telecomando che è magnetizzato e potete agganciarlo sulla superficie dello AM10. Con il timer si può impostare lo spegnimento da 15 minuti fino a 9 ore. 

Veniamo alle dolenti note, ovvero, il prezzo. Comprendiamo l’unicità del prodotto, l’innovazione tecnologica ma se si pretendono certe cifre bisogna dare al cliente un dispositivo costruito con materiali ottimi, e questo non ci sembra il caso. Inutile nascondere che c’è tanta plastica e neanche così resistente.

 

Pro

Distribuzione dell’aria: L’aria umidificata è ben distribuita. In breve tempo la stanza è interessata dal flusso emanato dal dispositivo.

Batteri e allergeni addio: L’aria è sanificata per effetto del sistema ultraviolet cleaner, in pratica una luce a onde corte riesce a danneggiare il DNA di allergeni e batteri.

Design: Indubbiamente è un oggetto bello da vedere, secondo noi ha un design innovativo anche se comune ad altri dispositivi Dyson.

 

Contro

Caro: Riteniamo il prezzo di vendita eccessivo, pur comprendendo la tecnologia di cui dispone, a certe cifre non si può dare al cliente tutta questa plastica.

Acquista su Amazon.it (€649)

 

 

 

7. Dyson Ventilatore Purificatore a Torre TP04 

 

Aria pulita e fresca, è ciò che promette il TP04 di Dyson. L’utente può in particolare controllare costantemente la qualità dell’aria sia sul display presente sul dispositivo sia mediante la app da scaricare. In generale possiamo ritenerci molto soddisfatti dell’opera di purificazione, a riguardo citiamo il filtro HEPA che combina la sua azione con quella dei carboni attivi. 

Ottima l’oscillazione a 350° che consente una distribuzione omogenea dell’aria in tutta la stanza. La sostituzione del filtro è semplice e evole, una notifica avverte quando è giunto il momento della sostituzione. 

A proposito, la sostituzione del filtro non è indolore… economicamente parlando. Il dispositivo è compatibile con Alexa, l’assistente vocale di Amazon. Al prezzo alto non corrisponde una adeguata qualità dei materiali.

 

Pro

Purifica: La qualità dell’aria respirata dopo l’azione del dispositivo Dyson è migliore, batteri e allergeni restano intrappolati nel filtro.

Oscillazione: Grazie all’oscillazione a 350° l’aria viene distribuita con uniformità interessando l’intero ambiente dove opera il Dyson.

 

Contro

Filtro: Quando ricevete la notifica che è giunto il momento di sostituire il filtro, siate preparati a spendere una bella sommetta. 

Costo: A nostro avviso il prezzo del Dyson è troppo alto, alla cifra richiesta non corrispondono materiali di adeguata qualità.

Acquista su Amazon.it (€719)

 

» Controlla gli articoli degli anni passati

Sottoscrivere
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments