Termostato intelligente, perché comprarne uno?

Ultimo aggiornamento: 29.05.20

 

Installare un dispositivo smart consente non solo una gestione ottimale dei consumi ma anche un’altra serie di vantaggi che vi spiegheremo nel corso del nostro articolo.

 

Un tempo era fantascienza ma oggi le case sono sempre più smart: basta un tocco sullo smartphone per controllare questo o quell’altro elettrodomestico.

Ma con un tocco sul telefono si può anche riscaldare casa grazie ai termostati smart, sempre più diffusi anche tra le abitazioni degli italiani tanto è vero che in fatto di hi-tech questo è uno settori in maggior crescita con ingenti investimenti in ricerca e sviluppo da parte dei più grossi colossi del settore e non solo perché anche chi ha ben poco a che fare con le apparecchiature per il riscaldamento ha fiutato l’affare e non ha voluto rinunciare a una fetta della torta, pensiamo a Google con l’acquisizione di Nest.

Come vedremo tra un attimo, installare un termostato intelligente comporta una serie di vantaggi dove il risparmio in bolletta derivante da una gestione ottimale dei consumi è soltanto l’aspetto più evidente.

 

Lo controllate persino dall’ufficio

Un termostato smart è collegato al Wi-Fi, ciò permette di controllarlo da remoto mediante lo smartphone e relativa applicazione. Ma perchè è importante il controllo del riscaldamento da remoto? Lo spieghiamo con un esempio.

Siete in ufficio, fissate costantemente l’ora pronti a schizzare via dalla vostra scrivania. Fuori c’è una tormenta, pioggia, vento, congelate al sol pensiero di dover uscire. Ma voi avete un asso nella manica. A occhio e croce arrivate a casa in 30 minuti, allora basta accendere il riscaldamento mezz’ora prima e rincaserete trovando un ambiente caldo.

 

 

Programmatelo secondo le vostre esigenze

Un’altra caratteristica che gioca a favore dei termostati intelligenti è l’ampia possibilità di programmarli secondo le proprie abitudini. È possibile impostare piani giornalieri, settimanali e persino mensili così da non doversi preoccupare più di nulla. Che dire, poi, di quei modelli in grado di riconoscere le abitudini degli inquilini e regolare il riscaldamento in base a queste? Facciamo un esempio.

Siete soliti rincasare alle 20. La prima cosa che fate, appena dentro, è accendere il riscaldamento. Il termostato nota questa vostra abitudine e vi suggerisce l’accensione automatica per quell’ora. Voi non dovrete fare altro che accettare il suggerimento.

 

Sistema di monitoraggio

Molto utile il sistema di monitoraggio dei consumi offerto dai termostati smart. I grafici vi permettono di controllare accuratamente i consumi, quali sono i picchi e tutta una serie di altre informazioni che vi aiutano a gestire meglio la situazione, tutto a vantaggio dell’efficienza e dunque di una bolletta meno traumatica.

 

Si risparmia, ma quanto?

Siamo giunti alla questione cruciale. Si risparmia davvero installando un termostato smart? Non abbiamo il minimo dubbio nel rispondere sì. Quanto si risparmia? Qui la questione presenta meno certezze. Ci sono diversi fattori che incidono sui consumi. Si possono certamente fare delle stime.

I produttori dei termostati affermano che i loro dispositivi consentono un risparmio tra il 30 e il 35% ma secondo altre fonti che non hanno interesse a vendere prodotti, il risparmio si assesta tra il 20 e il 25% che comunque non è affatto male.

Secondo gli esperti, il risparmio è comunque determinato dalla presenza di testine elettroniche sulle termovalvole dei caloriferi. Solo in questo modo si ha un monitoraggio preciso dei consumi in ogni stanza. La testina elettrostatica è più affidabile perché il solo termostato non basta poiché è influenzato dalla temperatura presente nella stanza dove si trova installato.

 

 

I costi dell’installazione

Ma costa tanto installare un termostato del genere? Si può fare da soli o serve necessariamente un tecnico specializzato? Partiamo da questa seconda domanda. I produttori stanno compiendo ogni sforzo per mettere a disposizione dei clienti dei termostati sempre più user friendly. Anche la semplicità d’installazione è una cosa che sta molto a cuore dei produttori. Un termostato semplice da installare e che non richiede l’intervento di un tecnico invoglia all’acquisto.

È proprio in questa direzione che si stanno muovendo i produttori, pensiamo al nuovo Nest realizzato da Google che punta sulla semplicità d’installazione. Nel caso in cui serva un tecnico, la spesa per il solo termostato si aggira sugli 80 euro che raddoppia se si vogliono installare anche le testine termoelettriche, a patto che siano già presenti sui termosifoni le termovalvole. In tal caso serve l’intervento di un idraulico che adatti l’impianto di riscaldamento e i costi schizzano fino a 500 euro circa.

 

 

Sottoscrivere
Notifica di
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments