Termostati intelligenti: Amazon ci crede e investe in Tado°

Ultimo aggiornamento: 29.05.20

 

Pare proprio che quello dei termostati smart sia un business redditizio: dopo Google anche la società di Jeff Bezos fiuta l’affare e investe 43 milioni di euro

 

Il terreno di battaglia dei grossi colossi sembra essersi spostato sul campo dei termostati intelligenti. Dopotutto il report pubblicato da Navigant Research stima il fatturato intorno ai 2,3 miliardi di dollari per il 2023. Cifre che certamente non sono nuove a Google che ha acquisito Nest per ben 3 miliardi di dollari allo scopo di rivaleggiare con Amazon nel settore dell’intelligenza artificiale e degli assistenti virtuali.

Dal canto suo Amazon non è rimasta con le mani in mano e non solo è andata a vedere il piatto ma ha anche rilanciato con 43 milioni di euro da destinare all’azienda Tado°. Ma la nota compagnia di e-commerce non è stata la sola a credere in questo progetto tanto è vero che ingenti finanziamenti sono arrivati, tra gli altri, anche da parte di E.On, Total Energy Ventures, Energy Innovation Capital e Inven Capital per una somma di circa 90 milioni di euro.

 

Controlla il clima domestico

Il termostato (lista dei migliori prodotti) ideato da Tado° connette gli impianti di riscaldamento e condizionamento a internet.

È in grado di rilevare quando gli abitanti lasciano la casa, quando rientrano, se una o più finestre sono aperte e gestisce la temperatura interna in base a questi dati. Secondo il produttore, il risparmio è del 31% dei consumi. Inoltre sfrutta i servizi di geolocalizzazione integrati nello smartphone degli utenti per gestire il clima di casa in modo totalmente autonomo.

Valutando la posizione dello smartphone, infatti, spegne il climatizzatore o il riscaldamento quando nessuno è in casa e li riaccende, portando la temperatura a quella desiderata, quando il proprietario sta per tornare. Tado° tiene anche conto dei dati meteorologici acquisiti da Internet per farvi trovare la temperatura desiderata a casa.

 

 

Settore in forte crescita

Questo è un settore che si sta espandendo rapidamente. Le stime sul fatturato sono ottimistiche anche se non sempre concordanti. Per esempio nel rapporto pubblicato da Navigant Research si parla di 2,3 miliardi per il 2023 mentre altre fonti riferiscono, addirittura, di un fatturato pari a 5,9 miliardi di euro per il 2022, dunque un anno prima e cifra più che raddoppiata. Il tasso di crescita annuo previsto è del 54%.

Dal canto suo il CEO di Tado° Toon Bouten non ha dubbi e ritiene questo il momento propizio per raccogliere i capitali necessari a posizionarsi come prima azienda del settore.

 

Tado°: un obiettivo ambizioso

Tado° ha grandi ambizioni e la concorrenza è spietata ma le idee sono ben chiare. La mossa è quella di investire con decisione sulla ricerca al fine di migliorare l’intelligenza dei dispositivi e i comandi a distanza dell’applicazione Tado°. In una intervista concessa al quotidiano La Stampa Bouten ha delineato un obiettivo preciso per il 2021: essere presente nel 10% delle case delle famiglie europee.

La fetta di mercato cui fa riferimento CEO è davvero importante ma è indubbio che parli con cognizione di causa. Va detto che per le case intelligenti siamo ancora in una sorta di fase beta, anche se c’è grande ottimismo per il futuro prossimo. Bouten, tirando in ballo Google Home e Alexa, ritiene che unire le forze per un unico protocollo di comunicazione tra i dispositivi sia la via da intraprendere per aumentare le possibilità di trasformare le case in abitazioni intelligenti.

 

 

Chi è Toon Bouten

Il CEO di Tado° Toon Bouten ha una lunga e prestigiosa carriera alle spalle. Prima di sposare il progetto è stato vicepresidente di Philips Electronics guidando la EMEA Consumer Division, portandola ai vertici del mercato europeo. Un ottimo lavoro l’ha fatto anche in qualità di AD dell’agenzia di recruiting online Jobline AB, incarico ottenuto nel 2000: a Bouten è bastato un anno per aprire tre nuove divisioni in nove Paesi, quadruplicare il fatturato e far quotare l’azienda alla borsa di Stoccolma.

 

 

Sottoscrivere
Notifica di
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments