Le caldaie a condensazione Ariston ONE

Ultimo aggiornamento: 21.11.19

 

Le caldaie a condensazione rappresentano ormai la nuova frontiera del riscaldamento domestico, grazie soprattutto alla loro maggiore efficienza, al rendimento energetico superiore e al minore impatto ambientale dato dal sistema del recupero di calore, che riduce la temperatura e il livello inquinante dei fumi di scarico prodotti.

A partire dal 2015, per adeguarsi alle nuove direttive europee che regolano l’emissione dei fumi di scarico e dei gas serra, le aziende produttrici hanno interrotto definitivamente la produzione delle caldaie tradizionali, ragion per cui i nuovi modelli a condensazione sono diventati lo standard comune per il riscaldamento e la produzione di acqua calda sanitaria, sia in ambito domestico sia nel settore professionale e industriale.

 

Parliamo di agevolazioni fiscali

Per questa ragione, ogni singola nazione dell’Europa ha provveduto a introdurre incentivi e agevolazioni per coloro i quali si trovano a dover installare un nuovo impianto di riscaldamento, oppure devono sostituire quello preesistente perché non più a norma di legge. In Italia è prevista una detrazione fiscale standard del 50% per quanto riguarda la spesa di acquisto e installazione della caldaia a condensazione; nella legge di bilancio del 2019, inoltre, è stato rinnovato anche l’Ecobonus che porta la detrazione fiscale al 65% della spesa complessiva, a patto però che insieme alla caldaia a condensazione sia installato in parallelo anche un sistema di termoregolazione di tipo evoluto, come gli impianti solari con i pannelli termici per esempio.

 

 

Un brand famoso e affidabile

Ariston è un brand particolarmente amato dai consumatori italiani perché fin dal 1960, anno di fondazione dell’azienda da parte di Aristide Merloni, ha servito intere generazioni di famiglie offrendo loro elettrodomestici di alta qualità, affidabili e durevoli nel tempo. L’azienda ha sempre posto attenzione nello sviluppo e nella progettazione dei suoi elettrodomestici, e lo testimonia il successo di mercato e il forte impatto avuto nel design industriale degli anni ’60 del modello Unibloc, progettato dal designer giapponese Makio Hasuike ed esposto perfino al Museum Of Modern Arts di New York.

Ariston continua a produrre elettrodomestici ma ha posto particolare attenzione soprattutto nel settore della termotecnica, l’azienda originaria è cresciuta inglobando altri brand prestigiosi del settore, come Indesit, Chaffoteaux, Elco e altri, fino a diventare la multinazionale italiana che è oggi, nota in tutto il mondo come Ariston Thermo Group.

Il vantaggio della specializzazione nel settore della termotecnica, ha reso Ariston uno dei brand leader in questo settore, in diretta concorrenza con colossi europei del calibro di Vaillant e Viessmann. Le sue caldaie a condensazione infatti, in particolare quelle appartenenti alla linea ONE, non hanno nulla da invidiare alla produzione tedesca, considerata una delle migliori nel settore, e si distinguono soprattutto per il loro livello tecnologico, frutto di una progettazione avanzata che si avvale delle ultime scoperte nel campo dell’elettronica, dei materiali e dei software di gestione e controllo.

 

La famiglia ONE

La gamma delle caldaie a condensazione ONE conta tre modelli diversi: Alteas One Net e Genus One Net, che sono i modelli di punta, e Clas One. Le tre caldaie One sono a loro volta realizzate in ben undici versioni che si differenziano in base alla predisposizione o meno a essere installate a incasso e, di conseguenza, per le modifiche di alcune caratteristiche specifiche, necessarie per adattarle ai requisiti richiesti dalle singole varianti.

La caratteristica primaria, fiore all’occhiello della serie ONE, è quella di raggruppare le caldaie a condensazione più avanzate per quanto riguarda il contenuto Hi-Tech. La possibilità di essere integrate nella rete WiFi domestica infatti, e quindi di poter essere controllate e programmate anche da remoto, tramite la connessione internet e l’applicazione Ariston Net, scaricabile sui dispositivi mobili e su PC, le rende a tutti gli effetti il cervello di un impianto di riscaldamento Smart di ultima generazione.

Il loro design è pulito ed estremamente elegante, soprattutto quello della Atlas One Net, con il nuovo display touch screen che si fonde completamente con la superficie della scocca, rende le caldaie a condensazione della serie ONE non solo belle e aggraziate nelle linee, ma anche estremamente funzionali e facili da controllare. Per quanto riguarda quest’ultimo aspetto in particolare, questi dispositivi offrono sia la programmazione oraria, giornaliera o settimanale, come nelle vecchie caldaie tradizionali, sia comandi avanzati come la funzione Care, per esempio, e la funzione Auto.

La prima permette alla caldaia di “dialogare” con l’utente e informarlo circa le condizioni dell’impianto, ricordargli quando è necessario effettuare i diversi interventi di manutenzione ordinaria e controllo dell’efficienza, oppure segnalare guasti o malfunzionamenti improvvisi nell’esatto momento in cui si verificano, suggerendo anche le azioni da compiere per risolvere il problema. La seconda, invece, consente non soltanto alla caldaia di gestirsi in maniera autonoma in base alla programmazione impostata, ma anche di “imparare” giorno dopo giorno, al fine di ottimizzare il funzionamento dell’impianto e adattarlo alle abitudini dell’utente.

 

 

Entriamo nel dettaglio

Se le funzioni Smart rappresentano il cervello, lo scambiatore di calore ExtraTech, brevetto esclusivo dell’azienda Ariston, è invece il cuore della tecnologia a condensazione delle caldaie ONE, dato che è stato progettato appositamente per offrire alte prestazioni e massima durata nel corso del tempo. Ulteriori componenti che aumentano l’efficienza e il rendimento termico delle caldaie a condensazione ONE sono il termostato CUBE montato di serie, che nel modello Genus One Net è completo anche di connettività internet, la sonda esterna senza fili e l’Ignition System con controllo elettronico della combustione e adattabilità del gas, grazie un sensore in grado di rilevare le caratteristiche del gas.

Le caldaie a condensazione Atlas, Genus e Clas, della serie One, condividono tutte la stessa semplicità, sia per quanto concerne l’installazione sia per il funzionamento e i controlli. Anche il design è particolarmente curato ed elegante, grazie all’utilizzo dei display touch screen integrati nella scocca.

Nonostante i modelli siano soltanto tre, come accennato in precedenza le varianti prodotte sono undici e sono sostanzialmente delle versioni che differiscono per la potenza, che può variare dai 21,5 fino ai 30,5 kW, o per essere predisposte per l’installazione a incasso, conservando comunque inalterate le prestazioni e le funzionalità, incluse le caratteristiche Smart.

 

 

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 voti, media: 5.00 su 5)
Loading...