Guida agli incentivi fiscali per chi installa pannelli solari

Ultimo aggiornamento: 28.05.20

 

Cosa c’è da sapere sulle agevolazioni previste per il risparmio energetico. 

 

L’esigenza di ridurre drasticamente l’inquinamento atmosferico e le emissioni di CO2 che negli ultimi decenni hanno contribuito in maniera rilevante agli attuali cambiamenti climatici in atto sul nostro pianeta, ha portato molti governi ad attuare misure straordinarie per sensibilizzare le persone alle problematiche ambientali e favorire la cultura delle fonti di energia rinnovabili.

L’obiettivo da raggiungere è quello di liberarsi una volta per tutte dai combustibili fossili, altamente inquinanti, e quindi incrementare la diffusione degli impianti di riscaldamento e produzione di energia basati sulle fonti rinnovabili, e in particolar modo il solare.

Anche i Paesi europei si sono adeguati a queste politiche e in Italia, già da qualche anno, sono state create una serie di agevolazioni, messe a disposizione dei cittadini e delle imprese, che prevedono delle detrazioni fiscali più o meno consistenti per coloro che scelgono di installare un impianto solare sul tetto della propria abitazione o edificio.

 

Le linee guida generali

L’Ecobonus, come viene comunemente definita la detrazione fiscale dall’Irpef e dall’Ires stabilita dalla legge di bilancio, è stato ovviamente prorogato fino alla fine del 2020, ed è assegnato a coloro che ne fanno richiesta nell’ottica di interventi atti alla riqualificazione energetica o alla ristrutturazione degli immobili. La normativa è ampia ovviamente, e prevede due distinte classi di agevolazione, una riduzione del 50% e una del 65%.

Se volete saperne di più in merito, vi invitiamo a scaricare dal sito dell’agenzia delle entrate, il file PDF (lo trovate cliccando qui) che entra nello specifico dei vari casi. Si tratta di un documento di una quarantina di pagine, però se non avete voglia di leggerlo tutto sappiate che già nell’introduzione vengono indicati i criteri per godere delle riduzioni. 

Sono inoltre previste delle speciali agevolazioni con detrazioni del 70 e 75% per gli interventi eseguiti su immobili o parti condominiali, con un limite di spesa massimo di 40.000 euro moltiplicato per il numero di appartamenti che compongono il condominio, o che sono interessati ai lavori di riqualificazione energetica, e dell’80 e 85% se tali immobili sono situati in zone a rischio sismico e i lavori prevedono la riduzione di una o due classi di rischio.

 

 

L’installazione di pannelli solari termici

Per quanto riguarda nello specifico l’installazione di pannelli solari, l’Agenzia delle Entrate attua una distinzione tra gli impianti solari termici, destinati alla produzione di acqua calda sanitaria, e gli impianti fotovoltaici destinati alla produzione di energia elettrica.

I primi rientrano nel quadro delle agevolazioni fiscali previste per gli interventi di riqualificazione energetica, e la guida dell’Agenzia delle Entrate riporta testualmente che “per tali interventi il valore massimo della detrazione fiscale è di 60.000 euro”.

Poi il testo continua spiegando che “per interventi di installazione di pannelli solari si intende l’installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda per usi domestici o industriali e per la copertura del fabbisogno di acqua calda in piscine, strutture sportive, case di ricovero e cura, istituti scolastici e università (…) Per l’asseverazione dell’intervento concernente l’installazione dei pannelli solari (ecco i migliori modelli) è richiesto:

– un termine minimo di garanzia (fissato in 5 anni per i pannelli e i bollitori e 2 anni per gli accessori e i componenti tecnici)

– che i pannelli siano conformi alle norme UNI EN 12975 o UNI EN 12976, certificati da un organismo di un Paese dell’Unione Europea o della Svizzera”.

 

Coloro che sono interessati esclusivamente all’installazione di un ottimo pannello solare termico per la produzione di acqua calda, quindi, dovranno attenersi a quanto riportato dalla guida ufficiale dell’Agenzia delle Entrate relativa alle agevolazioni fiscali per il risparmio energetico. Anche nel caso dei sistemi termodinamici, ovvero gli impianti finalizzati alla produzione combinata di energia termica (acqua calda) e energia elettrica (fotovoltaico).

In quest’ultimo caso, infatti, la guida riporta che per gli impianti in questione “possono essere oggetto di detrazione solo le spese sostenute per la parte riferibile alla produzione di energia termica”.

 

 

L’installazione di pannelli solari fotovoltaici

Chi invece è interessato a installare un impianto solare con pannelli fotovoltaici per la produzione di energia elettrica, deve fare capo a quanto citato nella guida relativa alle agevolazioni fiscali per le ristrutturazioni edilizie. Questa guida può essere scaricata in formato PDF direttamente dal sito dell’agenzia dell’entrate e la parte relativa alle agevolazioni relative all’installazione di un impianto fotovoltaico deputato alla produzione di energia si trova al punto F del paragrafo 1.1.3 “Per quali interventi”. 

Nonostante sia inquadrata nella normativa riguardante le ristrutturazioni edilizie, quindi, è chiaro che l’installazione di un impianto fotovoltaico non è subordinata in alcun modo a questo tipo di lavori; resta invece la “conditio sine qua non” per accedere alla detrazione fiscale, rappresentata dalla strumentalità dell’impianto e dell’immobile sul quale viene installato.

 

 

Sottoscrivere
Notifica di
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments